110° anniversario della nascita di Massimo Pallottino (9 novembre 1909 – 7 febbraio 1995)

Con la pubblicazione, nel 1942, del bestseller internazionale “Etruscologia” si compie il salto di qualità: nasce la disciplina unitaria, settore di ricerca e cattedra universitaria “etruscologia”

432
massimo pallottino
L'archeologo Pallottino con il principe Bernardo d'Olanda

Massimo Pallottino è il massimo archeologo italiano del novecento, fondatore riconosciuto dell’etruscologia moderna. Prima di Pallottino la civiltà etrusca era poco più che un hobby per nobili dilettanti e territorio di ricerca di pochi coraggiosi archeologi; con la pubblicazione, nel 1942, del bestseller internazionale “Etruscologia” si compie il salto di qualità: nasce la disciplina unitaria, settore di ricerca e cattedra universitaria “etruscologia”. Ma l’opera di Pallottino è più ampia; il suo lavoro si divide tra attività accademica, ricerca sul campo  – tra cui gli importanti studi sul centro antico di Tarquinia e gli scavi di Cerveteri – la partecipazione alla fondazione dell’INSEI (Istituto Nazionale di Studi Etruschi e Italici ) e della rivista collegata Studi Etruschi, incarichi istituzionali (ispettore per la Soprintendenza delle antichità di Roma e direttore del Museo nazionale etrusco di villa Giulia) e un’intensa attività convegnistica e divulgativa, con una tappa memorabile anche a Viterbo, ospite del vescovo Luigi Boccadoro.

Nel momento in cui vengono sviluppati i palinsesti delle manifestazioni dell’autunno viterbese, ci auguriamo che la città di Viterbo ricordi degnamente questa nobile figura della cultura italiana.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui