21 marzo : giornata mondiale della Poesia

336

Nel 1999 è stata introdotta la Giornata Mondiale della Poesia, con l’obiettivo di promuovere la lettura, la scrittura, la pubblicazione e l’insegnamento della poesia in tutto il mondo.

Si celebra il 21 marzo di ogni anno. È un’opportunità per apprezzare l’arte della poesia “come un luogo fondante della memoria, base di tutte le forme della creatività letteraria e artistica.”

Questa giornata venne istituita durante la XXX Sessione della Conferenza Generale UNESCO nel 1999 e celebrata il 21 marzo dello stesso anno per la prima volta.

Il Presidente della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, Giovanni Puglisi, afferma che la celebrazione della Giornata Mondiale della Poesia rappresenta “l’incontro tra le diverse forme di creatività, affrontando le sfide che la comunicazione e la cultura attraversano in questi anni”.

Per tanti la poesia è considerata una forma di scrittura antica e sorpassata. Ma essa è insita nell’animo umano. Proprio perché il genere poetico è talvolta sottovalutato,si è deciso di celebrare il suo potere e la sua bellezza. Durante questa giornata si vuole incoraggiare grandi e piccoli alla riscoperta del genere poetico, leggendo e approfondendo la propria conoscenza di questo mondo.

Anche i viterbesi stanno riscoprendo il valore di questo linguaggio universale. Del resto al Bullicame passò Dante e molti poeti famosi hanno avuto i natali nella Tuscia, come Vincenzo Cardarelli.

Vengono promossi concorsi locali, libri, recital, attività letterarie ed eventi aventi come protagonista la poesia, anche in dialetto.

La Giornata Mondiale della Poesia viene celebrata anche perché la poesia è una delle forme di espressione più preziose che possiede l’uomo, è un linguaggio universale che va oltre la conoscenza della lingua del componimento e spesso colpisce per la musicalità, è un ponte che unisce e fa riflettere.
È una scrittura espressiva verticale, perchè di sviluppa in versi, in strofe, si va a capo e intanto entra nel cuore.

Perché è importante conoscere la poesia?
Quando i bambini cominciano la scuola primaria, studiando italiano e letteratura si approcciano alla poesia in tanti modi diversi.

Leggere poesie insegna ai bambini come esprimere le proprie emozioni e a usare in maniera attenta e ricercata le parole per spiegare come ci si sente. Allo stesso tempo, la poesia insegna ai bambini nuovi vocaboli, come si usano le rime e a coglierne il ritmo.

La poesia stimola il pensiero creativo e permette di raccontare fatti ed emozioni in maniera spontanea e toccante. Ma per arrivare a creare delle poesie, è necessario prima capire le strutture poetiche, i messaggi lanciati e le figure dei poeti stessi che vengono letti e studiati a scuola.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui