LA CRISI DI GOVERNO

A caccia dei vecchi volponi della politica pur di salvare la poltrona

142
conte
Il direttore Giovanni Masotti

Stanno cercando in tutti i modi di nascondere, o perlomeno di attenuare, la vergogna di quello che stanno facendo e brigando. Conte, uomo buono per tutte le stagioni, è disperatamente a caccia – tra offerte e lusinghe – di “responsabili”, ribattezzati ridicolmente “costruttori” per tentare di nobilitarli, pur di salvare in extremis la sua poltronissima. È pronto a distribuire nuove prebende, segretarie e auto blu. Vanno benissimo tutti, non importa se vecchi arnesi della politica politicata e “marchettari” incalliti. L’imperativo della coalizione rossogialla mollata da Renzi – un imperativo assoluto, perseguito pervicacemente – è quello di raggiungere martedì prossimo in Senato la fatidica quota di maggioranza di 161, i voti – appunto – necessari all’ “ex-avvocato del popolo” per perpetuare il suo premierato e veleggiare felice verso un Conte ter più squinternato ancora del Conte bis. Non pensano ad altro i rossogialli in debito di consensi. Il resto non conta. Idee, programmi, convergenze. Solo una gran faccia tosta e un bell’inguacchio alla faccia degli italiani.

Uno schifo profondo se il disgraziato tentativo passerà.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui