Ai viterbesi (non a tutti) l'albero piace. E Arena si "scioglie" per i complimenti.

A Roma è arrivato il “nuovo Spelacchio”! Ma noi restiamo con il nostro bel cipresso di Natale

216

sagginiProprio oggi a Piazza Venezia è arrivato il nuovo “spelacchio”, nome d’arte dell’abete di Natale a Roma, ormai entrato di diritto nella storia della Capitale.

Le cronache che hanno seguito l’albero, simbolo delle festività natalizie della capitale, dal vivaio dove è stato prelevato, fino a Piazza Venezia, hanno più volte detto e ribadito, che si tratta di un abete. E qui ci sta tutto, un pensierino pungente: “Se la Raggi avesse pensato, a fare una capatina da queste parti, forse saremmo riusciti a rimediare anche per lei, un bel cipresso d’occasione, camuffato da abete di Natale”. Certamente avrebbe risparmiato molti soldi, e avrebbe visto crescere di molto la sua popolarità (e di seguito vi spieghiamo il perché). Stamattina sono andato sulla pagina Facebook di Giovanni Arena, e sono rimasto allibito.

Tanti commenti, tutti con il preciso scopo di asciugare qualche lacrimuccia sul volto del sindaco che, questa volta l’ha fatta grossa, o anche a fare finta di niente, affermando solo che è “meraviglioso”, “che è bello”; “che mi piace proprio tanto”. Ma c’è qualcuno, che novello eroe dell’indifendibile, sfidando le leggi della natura, che stabiliscono precise regole nella catalogazione delle specie arboree, addirittura afferma trionfante: “E’ un cipresso”. Insomma tutti d’accordo nella genuflessione (che forse domani potrebbe produrre qualche frutto?), e nella carezza di consolazione al sindaco Arena, che a giudicare dalle risposte smielate e zuccherate, che elargisce a piene mani, certamente in cuor suo, ringrazierà il cipresso di Natale, e questa testata, per avergli offerto l’occasione di tornare a vedere, molti commenti sdolcinati nella sua pagina.

Con questo episodio appena citato, abbiamo visto come possa prendere corpo, l’antico adagio che recita: “Non tutti i mali vengono per nuocere”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui