A Sanremo il “concertino” della violinista Maria Letizia Beneduce

Ci sarà anche un pezzo di Civitavecchia al Festival di Sanremo tra i componenti dell’Orchestra sinfonica

779

Ci sarà anche un pezzo di Civitavecchia al Festival di Sanremo. All’interno dell’Orchestra sinfonica di Sanremo infatti ci sarà anche la bella violinista Maria Letizia Beneduce.

L’artista civitavecchiese è stata riconfermata anche per l’edizione 2020 del 70esimo Festival della canzone italiana. “La mia presenza anche per l’edizione del 2020 era nell’aria già al termine della passata edizione del Festival – rivela durante una pausa delle prove allo storico teatro Ariston – ma l’ufficialità mi è arrivata solo un paio di mesi fa. Ed è stata una grande gioia. Anche quest’anno sarò il “concertino” ovvero lo strumentista che affianca il primo violino che è il maestro Franco Invidia”. La Beneduce sarà uno dei 32 elementi dell’Orchestra sinfonica di Sanremo guidata dalla responsabile Sabina Rizzolio.

“Le prove qui all’Ariston – aggiunge – sono iniziate da una settimana e si lavora, insieme agli artisti, tutti i giorni dalle 14 alle 24. Ma in realtà noi proviamo i brani in gara, così come i pezzi degli ospiti che saranno tutti rigorosamente in diretta, già da oltre un mese. Il 3 gennaio infatti abbiamo iniziato a suonare le canzoni che parteciperanno al Festival a Roma negli studi della Dear, prima da soli e poi con gli artisti”.

Come di consueto nulla si può sapere, prima dell’inizio del Festival, delle canzoni in gara, così come della scenografia dell’Ariston. “Vi posso solo dire – prosegue la Beneduce – che ci sono proposte musicali molto interessanti e che anche quest’anno sarà una vetrina per la musica pop italiana non indifferente. Ci sono canzoni in grado di accontentare tutti: da un pubblico più adulto ai ragazzi. Insomma un programma per tutti i gusti o meglio, per dirla col titolo del mio spettacolo teatrale, un programma “variegato””.

L’artista lavora al Comune di Civitavecchia come amministrativa. Per partecipare a Sanremo usufruirà di 5 settimane di aspettativa non retribuita. “Una opportunità per la quale devo ringraziare la mia capa Francesca Picozzi, tutti i miei colleghi che sono sempre disponibili, e il sindaco Ernesto Tedesco che appena saputo della convocazione è stato il primo ad esortarmi ad andare, e a fare il tifo per me. E come sempre – conclude – i ringraziamenti di cuore vanno a tutti i civitavecchiesi che mi spronano a migliorare e andare avanti con messaggi su Facebook, telefonate che mi fanno sentire tutto il calore di casa e orgogliosa di rappresentare la mia Civitavecchia a Sanremo”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui