A Vasanello smantellato anche l’ultimo bancomat rimasto

Dopo la chiusura del Banco di Brescia, ora è la volta dell'unico bancomat rimasto. Ai cittadini per prelevare rimane solo la Posta

443
©Alessandro Paris/Lapresse Roma 22-09-2007 economia banche nella foto Istituti di credito, Unicredit Banca, Bancomat

Un paese senza sportelli bancari e bancomat.

A Vasanello monta la protesta per il progressivo smantellamento dei servizi offerti ai cittadini, in primis proprio quello della banca che, progressivamente, è del tutto scomparsa dal paese.

La prima, qualche anno fa, è stata la filiale del Banco di Brescia: all’inizio la sede fisica, poi lo sportello bancomat.

Ora è la volta dell’Unicredit. Da luglio ha chiuso la sede locale mentre, da ieri, è stato smantellato anche l’unico bancomat rimasto, lasciando, di fatto, i cittadini senza la possibilità di prelevare contanti, se non alla Posta.

Una situazione paradossale, soprattutto in un momento storico come quello attuale in cui si punta a limitare l’uso del contante: a Vasanello, in realtà, potrebbe tornare di moda nascondere i soldi sotto il materasso.

Contro questa progressiva sparizione dei servizi a nulla è servito l’intervento del Comune.

In previsione di questo smantellamento infatti, già tempo fa l’amministrazione si era attivata, proponendo, proprio all’Unicredit, la possibilità di avere uno spazio su area pubblica per l’installazione di un bancomat evoluto. 

Alla proposta però nessuno ha mai risposto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui