A Viterbo il Centro per l’Aiuto Alimentare

Il Centro per l’aiuto Alimentare intende ampliare e valorizzare le iniziative per la raccolta e la distribuzione dei beni alimentari.

169

E’ attivo a Viterbo il Centro per l’Aiuto Alimentare (in Strada Acquabianca, località La Quercia). La struttura è uno dei risultati del progetto “Be Food” promosso dal Banco Alimentare del Lazio e dalle Caritas diocesane di Viterbo e di Civita Castellana.

“Be Food” – realizzato con il sostegno di Caritas Italiana e dei fondi CEI 8X1000 – nasce dalla necessità di sostenere con maggiore efficacia alcune fra le azioni di contrasto alla povertà finora intraprese sul territorio. In particolare, attraverso il Centro per l’aiuto Alimentare le tre realtà intendono ampliare e valorizzare le iniziative per la raccolta e la distribuzione dei beni alimentari.

Tra gli obiettivi, il recupero delle eccedenze alimentari di produzione agricola, dell’industria alimentare, della grande distribuzione, della ristorazione e dei punti vendita alimentari, poi ridistribuito a titolo gratuito alle strutture caritative, quali parrocchie, Emporio Solidale di Viterbo e realtà laiche, che si occupano di assistenza e sostegno alle persone in stato di bisogno sul territorio.

Il Centro per l’Aiuto Alimentare vuole rendere il tutto maggiormente funzionale, al fine di favorire uno sviluppo sempre più capillare della rete di distribuzione, creare sinergie tra i diversi territori, ottimizzare i sistemi finora sperimentati e sviluppare ulteriormente la capacità di risposta al bisogno.

Alcuni numeri

La Diocesi di Viterbo comprende 35 comuni con oltre 181.000 abitanti. La Diocesi di Civita Castellana 42 tra comuni e località per un numero di più di 266.000 abitanti.

Il nuovo Centro nei primi sei mesi dell’anno ha già distribuito a più di 60 strutture caritative 200 tonnellate di cibo, raggiungendo 10mila persone che vivono in difficoltà.

L’offerta, i destinatari, il modello e la sua organizzazione fanno di questa struttura un unico servizio integrato esistente in Regione e uno dei pochi sul territorio nazionale.

Ad inaugurare il Centro il vescovo di Viterbo Lino Fumagalli, l’assessore alle politiche sociali, welfare ed enti locali della Regione Lazio Alessandra Troncarelli, il presidente della provincia Pietro Nocchi, il presidente del Banco Alimentare del Lazio Giuliano Visconti e il direttore della Caritas di Viterbo Luca Zoncheddu e tanti volontari coinvolti nella distribuzione.

“Oggi è una giornata importante contro la lotta per la povertà – ha dichiarato Giuliano Visconti, presidente del Banco – In questa esperienza tre realtà diverse decidono di lavorare insieme fianco a fianco contro la povertà e lo spreco alimentare. E è il segno che è possibile fare insieme quando si condivide lo stesso scopo. Il nuovo Centro sarà un punto privilegiato per le realtà del terzo settore del viterbese che si occupano di sostegno alla marginalità”.

“Lo scopo non è solo la consegna del pacco, ma l’avvalersi di questa occasione per entrare in relazione – ha raccontato Luca Zoncheddu, direttore della Caritas viterbese – Il Centro vuole valorizzare questa occasione per offrire un doppio nutrimento, quello fatto di alimenti e di scambio. Il progetto ha a cuore l’incontro con e tra le persone, per questo vuole offrire anche un tempo prezioso fatto di ascolto, riconoscimento della dignità, fiducia, accompagnamento e riattivazione delle risorse personali di ognuno”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui