A Viterbo la maglia nera in fatto di mobilità ecologica

Il capoluogo della Tuscia si posiziona all’ultimo posto della classifica nazionale.

232
bici

In Italia cresce la mobilità ad emissioni zero (biciclette o e-bike, mezzi pubblici a trazione elettrica, compresi i treni urbani), ma non a Viterbo. Il capoluogo della Tuscia si posiziona infatti all’ultimo posto della classifica nazionale, fermandosi ad appena il 2% della mobilità urbana ecologica nel 2018.

A consegnare questa fotografia è il rapporto ”Le città elettriche”, il dossier sulle mobilità a emissioni zero realizzato da Legambiente in collaborazione con MotusE (Associazione per la mobilità elettrica) e pubblicato dal Sole 24 Ore, che evidenzia come, mentre in Italia siano in aumento gli spostamenti attraverso mezzi non inquinanti – a Milano, ad esempio, oltre il 52% degli spostamenti sono a zero emissioni –, a Viterbo ci si muova sempre più spesso usando l’auto privata.

Tutti gli altri capoluoghi del Lazio fanno meglio: Frosinone è la più virtuosa con il 26%, segue Roma con il 20%, Rieti con il 19% (mancano i dati di Latina).

La sfida dei prossimi anni sarà mettere in atto tutte le azioni possibili per ridurre il
nostro impatto sull’ambiente prima che sia troppo tardi. Sono proprio i trasporti, infatti, ad avere una ripercussione dannosa che incide sulla qualità dell’aria della nostra città e sulla salute più in generale.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui