Abuso d’ufficio del presidente dell’Authority, arriva l’archiviazione

Il Tribunale di Civitavecchia ha archiviato il fascicolo sulla nomina dell’amministratore unico della Port Authority Security, società di cui è socio unico l’Autorità Portuale.

368

Il Tribunale di Civitavecchia ha archiviato il fascicolo sulla nomina dell’amministratore unico della Port Authority Security, società di cui è socio unico l’Autorità Portuale. L’indagine era nata da una denuncia presentata da un professionista locale nei confronti del Presidente Francesco Maria di Majo.
“Il decreto di archiviazione disposto, su richiesta del pubblico ministero, dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Civitavecchia è stato reclamato dal professionista che aveva presentato la denuncia per abuso d’ufficio – commenta l’avvocato Lorenzo Mereu, legale del presidente di Majo – Il susseguente giudizio, che si è svolto davanti al Tribunale di Civitavecchia e precisamente di fronte alla dottoressa Di Iorio, si è concluso con la declaratoria di infondatezza del reclamo e con la conferma della già disposta archiviazione”.
Dunque il provvedimento del Tribunale non è più impugnabile in alcuna sede, e la vicenda può dirsi definitivamente conclusa. “La correttezza dei provvedimenti adottati dal Presidente Francesco Maria di Majo – aggiunge Mereu – come abbiamo sempre sostenuto, e come non si aveva motivo di dubitare, è definitivamente accertata. La pretestuosità, oltreché l’infondatezza, delle accuse mosse nei confronti del Presidente è rimarcata anche dal fatto che il Tribunale monocratico ha condannato il professionista, al pagamento delle spese del procedimento. L’avvocato Francesco Maria di Majo, che ha sempre confidato nell’operato degli organi di giustizia, esprime la propria soddisfazione per la celere definizione del giudizio, sostenendo che la vicenda è stata utilizzata, in maniera evidentemente improvvida, per porre dubbi sul suo corretto operato”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui