ACCADDE OGGI 13 APRILE 1964: FEDERICO FELLINI CONQUISTA IL SUO TERZO OSCAR

121

“Fellini mostra che un regista è prima di tutto un tizio che dalla mattina alla sera viene
seccato da un mare di gente che gli pone domande alle quali non sa, non vuole o non può
rispondere. La sua testa è piena di piccole idee divergenti, di impressioni, di sensazioni, di
desideri nascenti e si pretende da lui che dia certezze, nomi precisi, cifre esatte, indicazioni
di luogo e di tempo…” François Truffaut

Dopo “La strada” (1954; Oscar nel ‘57), l’incredibile itinerario lungo le strade dell’umanità minore della provincia italiana del dopoguerra della strana coppia formata dal rude Zampanò-Antony Quinn e dalla naïf Gelsomina-Giulietta Masina, in sella a uno strepitoso triciclo a motore (terzo attore dopo i due protagonisti umani), girato quasi integralmente nell’appartata Bagnoregio;
dopo “Le notti di Cabiria” (1958; Oscar nel ’58), un surreale girone dantesco della prostituta Cabiria-Giulietta Masina dentro i bassifondi della perduta e disperata gente, con un incredibile riscatto finale;
dopo tutto questo, il 13 aprile di 58 anni fa arriva il terzo Oscar per “Otto e mezzo”, ancora per il miglior film straniero. Il premio per il miglior film straniero convertito nel 2020 in “Oscar per il miglior film internazionale”.
“8 ½“ è un film dagli aromi pirandelliani con un personaggio alla ricerca dei capi perduti da riannodare per ricomporre il filo interrotto dell’esistenza, assediato da fantasmi e scocciatori.
Il protagonista Guido Anselmi/Marcello Mastroianni è un regista extra-vagante che ha perso l’ispirazione, in eterno debito col mondo, inseguito da moglie, amante, dal produttore e dalle maestranze di un immaginario film da girare, tutti accomunati da un’unica domanda: “certezze”; certezze per le quali però Guido Anselmi ha esaurito la scorta delle risposte, delle scuse e delle scappatoie.
In “8 ½“ si ravvisano echi autobiografici e in un certo senso il film è impluvio e proiezione dei nodi irrisolti del regista riminese.
Il tentativo di trasformare crisi e molestie esistenziali in una sceneggiatura non trova però d’accordo il suo amico e co-sceneggiatore Ennio Flaiano, il quale giudica impossibile l’impresa di rendere un siffatto deterioramento esistenziale attraverso un dispositivo narrativo come il film, dotato di tempi e bioritmi destinati ad un pubblico di consumatori di massa.
Ma quelli dell’Academy of Motion Picture Arts and Sciences la pensano diversamente e il riconoscimento quale migliore opera cinematografica va al capolavoro felliniano.
Nella medesima sessione viene assegnato l’Oscar per il miglior attore al grande attore americano di colore Sidney Poitier – recentemente scomparso – per l’interpretazione ne “I gigli del campo”. Ma probabilmente tutti lo ricorderanno per le parti nei celeberrimi “Indovina chi viene a cena?”, recitato insieme a colonne del cinema mondiale come Spencer Tracy e Katharine Hepburne e “La calda notte dell’ispettore Tibbs” (1967), insieme all’altrettanto grande Rod Steiger.
Una vera “notte da Oscar”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui