ACCADDE OGGI 17 SETTEMBRE 1787: VIENE FIRMATA LA COSTITUZIONE DEGLI STATI UNITI D’AMERICA

259

“We the People”
“Noi, il Popolo”; le prime tre parole della costituzione USA

La colonizzazione del continente americano seguita al celebre sbarco di Cristoforo Colombo del 12 ottobre 1942 non è una bella pagina della storia dell’umanità perché le potenze colonizzatrici, soprattutto Spagna, Portogallo, Gran Bretagna, Francia e, in piccola parte, Olanda, non si fecero scrupolo di condurre alla quasi totale estinzione le grandi civiltà che la storiografia occidentale definisce “pre-colombiane”, fondate dagli eredi di antichissime correnti migratorie provenienti dalla Siberia nord-orientale che, decine di migliaia di anni prima avevano attraversato a piedi lo stretto di Bering che allora, a causa delle glaciazioni, era percorribile.
Non lo è nemmeno per le feroci guerre di conquista che i colonizzatori si fecero tra loro per la spartizione dei nuovi territori (con molti danni soprattutto per la Francia che verrà espropriata di gran parte delle sue colonie originarie) e quelle successive dei nuovi insediamenti contro le nazioni europee di provenienza con lo scopo di liberarsi dai pesanti obblighi e tasse e dal desiderio di indipendenza.
E non lo è anche per la famosa tratta degli schiavi neri, catturati in Africa e tradotti in catene attraverso l’Atlantico per procurare la forza-lavoro gratuita necessaria alla realizzazione delle infrastrutture del “nuovo mondo”.
In questo cupo scenario di guerre e sfruttamento brilla tuttavia una stella di rara bellezza e questa stella è la costituzione dei neonati Stati Uniti d’America.
Ma, come vedrete, anche in questo storico passaggio c’è lo zampino degli italiani.
Le tredici colonie di lingua inglese, passate dai 2 mila residenti del 1625 ai quasi due milioni e mezzo del 1775 che, sotto la guida del generale George Washington (1732-1799), avevano vinto la guerra d’indipendenza contro la ex-madrepatria Gran Bretagna, ricercavano non soltanto l’indipendenza ma anche una configurazione ed un ordinamento statuale e per questo costituirono un’apposita “Convenzione” formata da delegati (oggi detti “padri fondatori”). L’obiettivo iniziale era quello di un’armonizzazione fra le diverse esigenze delle varie ex-colonie ma la Convenzione andò ben oltre elaborando una “carta costituzionale” articolata ed armonica in grado di definire il profilo identitario di una nuova entità politico-amministrativa che avrebbe cambiato la storia dell’umanità.
Figura di spicco nell’ambito della Convenzione è lo scienziato Benjamin Franklin (quello che ha inventato il parafulmine e molto altro; 1706-1790) che era anche un politico illuminato ed aveva studiato “La scienza della Legislazione” del giurista e filosofo napoletano Gaetano Filangeri (1753-1788) con il quale aveva anche mantenuto una stretta corrispondenza. I principi ispiratori di Filangeri entreranno così nel nascente stato nordamericano.
La costituzione USA è un testo che stabilisce una relazione armonica che si potrebbe qualificare “perfetta” fra diritti e poteri in capo al singolo individuo e diritti e poteri in capo agli stati membri e al governo centrale (che gli americani chiamano “governo federale”) e tra quelli di ciascun stato membro e del governo federale.
Il particolare rapporto che lega i singoli stati allo stato centrale fa degli USA uno “stato federale”.
Entro questa rete di relazioni vige la separazione-indipendenza fra “potere legislativo”, ossia quello di fare le leggi, attribuito al Congresso (United States Congress), a sua volta articolato in due “Camere”: la Camera dei Rappresentanti e il Senato, il “potere esecutivo”, che ha il compito di attuare le finalità stabilite dalle leggi, attribuito al Presidente USA e al suo gabinetto e il potere giudiziario, ossia quello di garantire la legalità attraverso la Magistratura, formata dai Giudici Federali e dalla Corte Suprema, corrispondente alla Corte Costituzionale italiana.
La costituzione USA viene completata e ratificata il 17 settembre di 234 anni fa a Filadelfia; da quel giorno il mondo avrà un’altra storia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui