ACCADDE OGGI – 22 aprile 1978 – USA: I Blues Brothers fanno la loro prima apparizione al Saturday Night Live, la coppia in missione per conto di Dio

207

Chi l’ha detto che il varietà è morto? Avete presente quello spettacolo TV con presentatori, attori, comici, ballerini, cantanti, ospiti, sketch etc. che in Italia spopolava in RAI negli anni ’60? Negli USA, che nello spettacolo sono maestri, quel format va a gonfie vele e il più celebre è certamente il SNL, ossia il Saturday Night Live, esordito l’11 ottobre del 1975 nel famoso “studio 8H” al Rockefeller Center di New York, sul canale NBC e copiato, con esiti più o meno felici, da varie TV nazionali in varie parti del mondo.

Il 22 aprile 1978, esattamente 43 anni fa, il SNL tocca l’acme: ospite d’onore è una band diventata leggendaria: i Blues Brothers, ossia i fratelli nel Blues Dan Aykroyd (1952), attore, sceneggiatore, musicista e cantante canadese naturalizzato USA e John Belushi (1949-1982), talentuoso attore comico e cantante di origine albanese, fratello maggiore dell’altrettanto famoso Jim Belushi (1954). I due danno vita alla “strana coppia” Elwood Blues (Dan Aykroyd) e Jake “Joliet” Blues (John Belushi), personaggi inventati e nessuno può dire se il clamoroso successo delle loro performance sia dipeso più dalle capacità musicali o da quelle attoriali. Il primo motivo del successo viene dal look: abito scuro, cappello scuro e occhiali neri; il resto del valore aggiunto è il corpo: i due mettono in scena un movimento danzante ritmico e stereotipato sul posto cui si contrappone un’espressione facciale pietrificata in una maschera immobile. Diversamente dal nome, la loro musica è il “rhythm & blues”, in sostanza un mix di blues e rock and roll. Per presentare la strana coppia viene scomodato il produttore musicale più famoso degli states: Don Kirshner, meglio conosciuto come “orecchio d’oro”.

Ma l’ospitata nel SNL non è che il primo atto della storia: due anni dopo, nel 1980, il regista John Landis confeziona intorno ai due il cult-movie musicale “The Blues Brothers”, un incredibile itinerario americano in cui Elwood Blues e Joliet Blues vanno “in missione per conto di Dio” nel tentativo di racimolare i 5000 dollari necessari per salvare dal fallimento il loro vecchio orfanatrofio cattolico, retto da suor Mary Stigmata, dove erano cresciuti da bambini. Per raccogliere la somma decidono di ricostituire la loro vecchia band di blues e intraprendere una tournée di concerti.
Chissà se a Dio è piaciuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui