ACCADDE OGGI 25 SETTEMBRE 1980: NASCE A ROMA ELIO GERMANO, L’ATTORE CHE HA FATTO RIVIVERE GIACOMO LEOPARDI, LIGABUE E NINO MANFREDI

501

Nato a Roma in una famiglia di origini molisane, Elio Germano si direbbe un predestinato: a otto anni compare in una famosa pubblicità e a 12 recita nel film “Ci hai rotto papà”, di Castellano e Pipolo.
Mentre studia al liceo scientifico frequenta la scuola di recitazione “Teatro Azione”; nel 1995, all’età di 15 anni, recita nello spot pubblicitario di un famoso dolciume; a 17 fonda il gruppo rap “Bestierare”.
Nel 1999 intraprende una tournée teatrale insieme all’attore, mimo e regista Giancarlo Cobelli (1929-2021) ma l’esperienza viene interrotta bruscamente perché Elio viene scelto per partecipare al cast del film “Il cielo in una stanza di Carlo Vanzina. È questo l’evento che dirotta la sua biografia verso la professione di attore cinematografico. Dopo di allora è una lunga serie di importanti partecipazioni sotto la direzione di celebri registi tra i quali “Concorrenza sleale” (Ettore Scola), “Respiro” (Emanuele Crialese), “Che ne sarà di noi” e “L’ultima ruota del carro” (Giovanni Veronesi), “Romanzo criminale” (Michele Placido), “Quo vadis, baby” e “Come Dio comanda” (Gabriele Salvatores), “N-io e Napoleone” e “Tutta la vita davanti” (Paolo Virzì), “Mio fratello è figlio unico” e “La nostra vita” (Daniele Luchetti), “Magnifica presenza” (Ferzan Ozpetek).
In televisione partecipa a diverse produzioni quali “Padre Pio”, “Un medico in famiglia 2”, “Via Zanardi 33”, “Ferrari” e “Paolo Borsellino”. Nel marzo 2021 interpreta Nino Manfredi in “In arte Nino”, produzione messa in onda nel centenario della nascita del grande attore.
Del 2014 è la difficile interpretazione di Giacomo Leopardi nel film “Il giovane favoloso”, di Mario Martone;
nel 2020 altra importante prova d’attore: interpreta il pittore e scultore Antonio Ligabue in “Volevo nascondermi”, di Giorgio Diritti.
Con questo curriculum alle spalle non potevano mancare premi e riconoscimenti: quattro David di Donatello su sette candidature; tre “Globi d’oro” su cinque candidature; due “Nastri d’argento”; tre “Ciak d’oro” su quattro candidature e un “Orso d’argento” al Festival internazionale del cinema di Berlino.
Il cinema italiano gode ancora di ottima salute.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui