ACCADDE OGGI – 27 APRILE 1981: Inizia la commercializzazione del mouse

153
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il topo informatico ha due vite.

La prima vita inizia nel 1967 con l’invenzione e relativo brevetto, da parte dell’ingegnere USA Douglas C. Engelbart (1925-2013), della celebre periferica. Malgrado l’ambiente digitale, il mouse deve il suo straordinario successo ad un semplice principio analogico: la capacità di correlare i movimenti bidimensionali del puntatore sullo schermo a quelli, altrettanto bidimensionali, di un dispositivo mobile palmare su un’altra superficie: quella del tavolo, eventualmente con la mediazione di un tappetino. Una grande semplificazione e un grande progresso nell’interfaccia uomo-computer. Da quel momento un alto numero di funzionalità digitali potevano essere attivate, disabilitate o modulate con un semplice movimento della mano; al punto che l’espressione “con un clic” è diventato sinonimo di semplicità e intuitività.

Ma negli anni ’60-’70 il computer non era ancora uno strumento di massa e per fare del “topo” un prodotto commerciale bisognerà attendere 14 anni, il 27 aprile 1981, esattamente 40 anni fa. È in quel giorno che inizia la sua seconda vita; la location è lo Xerox PARC dove PARC non sta per “parco” ma è l’acronimo di Palo Alto Research Center, il centro di ricerca della celebre Xerox nella città californiana di Palo Alto, epicentro della celeberrima Silicon Valley e concentrazione dei maggiori laboratori di ricerca mondiali; non solo nel digitale.

La Xerox è specializzata in stampanti e fotocopiatrici ma quel giorno la casa statunitense presenta al pubblico il personal computer “Xerox Star”, equipaggiato con l’utilissima periferica ed è quella la data convenzionalmente adottata da cui decorre l’impiego massivo del topo di plastica dalla lunga coda elettrica. Nome che è rimasto anche dopo la sostituzione del cavo con la connessione wireless.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui