ACCADDE OGGI 30 SETTEMBRE 1964: NASCE LA MODELLA E ATTRICE MONICA BELLUCCI

337

Se Brigitte Bardot è archetipo e icona della bellezza nordica, Monica Bellucci lo è per quella mediterranea.
Il 30 settembre di 57 anni fa viene al mondo la donna che porterà una nuova narrazione della bellezza femminile; una particolare rara combinazione genetica in grado di esprimere non la bellezza ma la metafisica della bellezza.
La sua famiglia è una normalissima famiglia di Città di Castello (PG): padre impiegato e madre casalinga; anche infanzia e prima formazione scorrono normali: liceo classico e università. Ma, quando allo scivolamento dall’adolescenza alla prima giovinezza sboccia un corpo e un volto come quelli Monica il futuro deraglia dalle vie della normalità per praticare altre rotte. Dopo alcune sporadiche esperienze come modella, nel 1988 lascia gli studi e si trasferisce a Milano per studiare recitazione e dedicarsi all’alta moda. Ai manager del fashion system non sfugge il fascino rigoglioso di questa nuova modella così diversa dalle algide sfilatrici delle passerelle milanesi e la mettono sotto contratto. Nel giro di un un anno diviene la regina di Parigi e New York; neanche fotografi, riviste e calendari sfuggono all’intenso magnetismo di questo corpo che sembra perfetto per romanzare la vita.
In breve tempo diviene testimonial dei grandi marchi della moda, dei gioielli e della cosmesi ma nel caso di Monica non è facile stabilire chi è il testimonial e chi il soggetto pubblicizzato.
Ovviamente quello della moda non è l’unico ambiente a scoprire il potenziale narrativo di Monica Bellucci e nel 1990 è scelta per recitare accanto a Giancarlo Giannini e Corinne Cléry nella serie televisiva “Vita coi figli”, per la regia di Dino Risi. Ma la TV è solo un trampolino: dopo quell’esperienza viene chiamata e reclamata nei cast molti importanti film, italiani ed esteri, accanto ad attori e per registi di altissimo livello.
Al successo internazionale concorre anche la sua straordinaria attitudine per le lingue: parla bene inglese, francese, spagnolo e portoghese e discretamente anche altre lingue e dialetti.
Nel 2003 i francesi la vogliono come madrina del Festival di Cannes; l’incarico sarà replicato nel 2017. L’anno successivo la reclamano per presiedere alla cerimonia dell’accensione dell’illuminazione natalizia degli Champs Èlisees.
Quasi contemporaneamente diventa membro votante dell’Academy of Motion Picture Arts and Sciences; quella che conferisce i Premi Oscar.
Nel 2008 partecipa ancora a Cannes ma come attrice del film italiano (fuori concorso) “Giordana Sanguepazzo”, diretto da Marco Tullio Giordana.
Nello stesso anno partecipa al Festival del Cinema di Roma con “L’uomo che ama”, diretto da Maria Sole Tognazzi.
Nel 2009, a Vienna, le viene attribuito il World Actress Award; una sorta di Premio Oscar riservato alle attrici.
Nel 2010 riceve dal presidente Giorgio Napolitano il “Premio Vittorio De Sica” e nel 2014 Ciak e Super Ciak d’oro.
Ma questa è soltanto una ristretta sintesi della filmografia di Monica Bellucci e dei suoi riconoscimenti.
Come spesso succede nel giro dello star system anche la vita sentimentale sarà movimentata, ma molto meno di tante altre celebrità: dal 1990 ha una lunga relazione con l’attore italiano Nicola Farron; nel 1999 sposa a Montecarlo l’attore francese Vincent Cassel, conosciuto tempo prima sul set del film francese “L’appartamento”; dal matrimonio nascono le figlie Deva e Léonie. I due si separano nel 2013. La figlia Deva, bella come la mamma, ha già intrapreso la sua carriera di modella.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui