ACCADDE OGGI – 31 AGOSTO 1997: MUORE A PARIGI IN UN INCIDENTE STRADALE LADY DIANA

317

La famiglia Spencer è una delle più antiche ed importanti famiglie britanniche, con legami diretti con la British Royal Family; Diana Frances Spencer nasce il 1° luglio 1961 a Sandringham, piccolo centro della contea del Norfolk, sulla costa orientale dell’isola britannica, non senza qualche disappunto dei genitori che speravano in un erede maschio in grado di continuare il prestigioso nome di famiglia. Sandringham è un minuscolo borgo ma ospita Sandringham House, l’importante residenza di campagna dei reali britannici, particolarmente cara alla Regina Elisabetta; gli Spencer erano praticamente di casa a Sandringham House.
Qui Diana vive per sette anni, fino al divorzio dei genitori, dopo il quale segue la madre a Londra insieme al nuovo compagno di lei. Il rapporto di convivenza con la madre sarà breve perché dopo pochi mesi il padre ottiene la custodia di Diana. La bambina riceve un’ottima formazione nella prestigiosa Scuola Preparatoria di Riddlesworth Hall, sempre nella contea del Norfolk e prosegue gli studi nell’altrettanto prestigiosa New School di West Heath, nella contea del Kent, a sud-est di Londra. Per una curiosa coincidenza la New School di West Heath ha sede in un grande parco allora preso in affitto da Moahamed Al-Fayed, il ricco uomo d’affari di origine egiziana, con molti interessi nel Regno Unito, padre di Dodi, il compagno di Lady Diana al momento dell’incidente mortale.
I biografi raccontano che l’adolescente Diana fosse molto timida e riservata e tuttavia amante di danza, musica e sport, con uno spiccato amore per i bambini; amore che manterrà anche da adulta, al punto da accettare con piacere incarichi di lavoro negli asili nido.
Nel giugno del 1975 muore il nonno Albert Spencer; conseguentemente il padre eredita il titolo di conte e lei (quattordicenne) quello di Lady.

Due anni dopo, nel 1977, frequenta per tre mesi lo svizzero Institut Alpin Videmanette, una scuola speciale di etichetta e buone maniere; in quegli anni rivela una particolare inclinazione per la danza, attività che però sarà costretta ad abbandonare a causa della sua notevole statura.
Nel 1978, all’età di 17 anni torna a Londra dove va a vivere nell’appartamento della madre; l’anno successivo, al compimento del 18°, i genitori le regalano un appartamento indipendente nella capitale britannica.
Il suo primo incontro con il principe Carlo è del 1977, come nei film romantici, durante una battuta di caccia. Lui aveva quasi trent’anni e le pressioni perché combinasse un ottimo matrimonio erano altissime e probabilmente in quel periodo nutriva una certa attrazione per la sorella Lady Sarah. Al compimento del 30° Carlo invita le due sorelle Sarah e Diana ad una festa a Buckingham Palace, la residenza ufficiale dei reali britannici. La presenza delle due sorelle a corte deve aver favorevolmente colpito Elisabetta II perché la sovrana invita personalmente entrambe proprio a Sandringham House per una settimana di caccia, nel gennaio del 1979.

Nell’estate del 1980 Diana e Carlo si incontrano di nuovo alla festa di un comune amico e da allora incontri ed inviti si moltiplicheranno, favoriti dal grande charme personale e dalla straordinaria discrezione di Diana, che colpisce molto i futuri suoceri, la Regina Elisabetta e il principe di Edimburgo.
Il 24 febbraio 1981 Buckingham Palace comunica ufficialmente il fidanzamento. Il matrimonio è celebrato mercoledì 29 luglio 1981; diversamente dalla tradizione sarà celebrato non nell’abbazia di Westminster ma nella cattedrale di S. Paolo di Londra, perché più grande e capiente.

Il 21 giugno 1982 nasce il primo figlio e erede al trono della coppia: William Arthur Philip Louis; il secondogenito Harry Charles Albert David nasce il 15 settembre 1984.
Grazie al grande charme personale, alla semplicità dei modi, alla sensibilità per i bambini e alle iniziative filantropiche Diana conquista presto la simpatia e la stima dei cittadini britannici e di tutto il mondo e sarà costantemente uno dei personaggi più in vista dello scenario internazionale. Un guadagno d’immagine per l’intera monarchia britannica.
Diversi anni dopo diventerà celebre la sua campagna per la messa al bando delle mine anti-uomo.

Le prime voci sui dissapori nella coppia sono degli anni ’90 ma la crisi affonda le proprie radici già negli anni ’80.
Carlo e Diana raccontano i loro problemi coniugali agli amici più stretti ma presto diventano di dominio pubblico e i due saranno oggetto di una persecuzione scandalistica da parte di molti giornali che non si faranno scrupoli a impiegare e diffondere intercettazioni segrete e fughe di notizie. Carlo aveva da tempo ripreso a frequentare la sua vecchia fiamma Camilla Parker-Bowles e Diana intraprende una relazione con il maggiore James Hewitt, suo maestro di equitazione. A proposito della relazione extra-coniugale di Carlo, Diana dichiarerà: “Eravamo in tre in questo matrimonio, un po’ troppo affollato”.

Il divorzio viene pronunciato ufficialmente il 28 agosto 1996.
Dopo il divorzio Diana frequenta lo stimato cardiochirurgo Hasnat Khan, di origine pakistana; più tardi intraprende una relazione con Dodi Al-Fayed, figlio del già citato Mohamed.
Nella notte tra il 30 e il 31 agosto 1997 Diana, Dodi, la guardia del corpo Trevor Rees-Jones e l’autista lasciano l’Hotel Ritz di Parigi a bordo della loro Mercedes diretti all’appartamento privato di Dodi ma sono inseguiti da fotografi e giornalisti.
L’autista accelera ma nel tunnel sottostante al ponte “de l’Alma” perde il controllo e l’auto va a schiantarsi contro un pilastro; l’autista e Dodi muoiono sul colpo; la guardia del corpo, l’unico ad avere le cinture allacciate, è l’unico a salvarsi. Diana è ancora viva e viene trasportata all’ospedale Pitié-Salpetriere; morirà alle quattro del mattino a causa della gravità delle lesioni riportate.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui