ACCADDE OGGI 8 GENNAIO 1324: MUORE A VENEZIA MARCO POLO

108

Secondo i parametri storiografici eurocentrici Cristoforo Colombo è celebrato come il perseverante scopritore del Nuovo Mondo e colui che stabilirà i riferimenti cronologici da cui far decorrere la modernità; tuttavia il titolo di primo esploratore globale spetta ad un altro italiano: il veneziano Marco Polo.

L’Europa dei secoli 13° e 14° considerava se stessa il centro del mondo ma Venezia guardava più lontano, verso i territori dai quali si vedeva sorgere il sole e in quella direzione cercava di aprire nuove vie di comunicazione e di commerci, nei due soli modi allora possibili: via mare, con la sua potente flotta e a piedi, via terra.

Marco Polo nasce il 15 settembre 1254 nella città giusta nella famiglia giusta, dove viaggiare non è una vocazione omerica ma il mestiere di famiglia. Ciò che distingue Marco Polo dai suoi conterranei e ne farà un’eccellenza epocale è un’altra vocazione: quella di raccontare.
I 24 anni trascorsi tra il 1271 e il 1295 al seguito del padre Niccolò e dello zio Matteo, entrambi commercianti veneziani con interessi in oriente, trasformano il 17-enne Marco nel maggior conoscitore e divulgatore di quel mondo che si trovava dall’altra parte della mitologica “via della seta”, della quale gli europei potevano soltanto apprezzare le pregiatissime stoffe, le inebrianti spezie e racconti più fantasiosi che fantastici.

Tuttavia Marco Polo non sarà un semplice viaggiatore-esploratore perché negli anni della sua esperienza orientale diviene apprezzato consigliere del Gran Khan Kubilai, imperatore cinese di etnia mongola.
Quando rientra a Venezia è ricco abbastanza da mettere in piedi una florida impresa commerciale ma la guerra con l’altra superpotenza marinara, Genova, spazza via questo sogno e lo obbliga a trascorre gli ultimi anni del 13° secolo in una prigione genovese. In questo isolamento forzato trova il modo di raccontare e dettare il vero tesoro nascosto di quei magici 24 anni: le memorie ancora vivissime delle sue avventure orientali e per una strana combinazione dell’esistenza si trova a condividere la cella con un letterato: lo scrittore Rustichello da Pisa il quale, conoscendo il francese, cercherà di fare del suo meglio trascrivendo il lungo racconto di Marco Polo nel colorito mix di dialetto veneziano e francese, allora molto diffuso nel Nord-Italia. Il risultato è un capolavoro: “Il Milione”, una fusion tra letteratura di viaggio e trattato storico-geografico.
Dopo la liberazione (1299) Marco Polo è ancora più ricco e famoso e sposa la nobildonna Donata Badoer dalla quale avrà tre figlie.
Muore a Venezia l’8 gennaio di 698 anni fa e riposa nella chiesa di San Lorenzo, nel sestiere di Venezia chiamato “Castello”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui