ACCADDE OGGI – Auguri, Anna Oxa: compiere 60 anni è “un’emozione da poco”!

77

Fascino, carisma, originalità, sensualità, bellezza e una voce incantevole, da far venire i brividi. Queste sono alcune delle note peculiari di una delle interpreti di maggiore successo negli ultimi quarant’anni: Anna Oxa.

Nel giorno del suo sessantesimo compleanno, ripercorriamo le tappe salienti della sua carriera artistica.

Anna Hoxha nasce a Bari il 28 aprile del 1961 da padre albanese (Quazim), originario di Kruja, e da madre italiana (Elena Piccininno). Ultima di otto figli, trascorre l’ età dell’infanzia e l’adolescenza nel quartiere di San Pasquale, diplomandosi al Liceo artistico Giuseppe De Nittis. A soli 15 anni incide il suo primo 45 giri.

Nel 1977, Anna viene ingaggiata dalla casa discografica RCA. L’etichetta decide di cambiare il cognome da Hoxha in Oxa, più semplice incisivo.  Si iscrive alla 28a edizione del Festival di Sanremo, nel 1978. La canzone scelta è “Un’emozione da poco”, firmata da Ivano Fossati e Guido Guglielminetti.
Chi non ricorda la belllissima sedicenne Anna, in abito maschile e capelli da punk? A curare l’immagine della giovane è l’estroso Ivan Cattaneo.

La grintosa interpretazione di Anna colpisce le giurie, facendole meritare il secondo posto, a soli tre punti dai Matia Bazar, vincitori con “E dirsi ciao”.

Dopo poco,  “Un’emozione da poco” si piazza al primo posto della classifica delle vendite. In primavera esce il primo album della cantante, intitolato “Oxanna”. Il singolo estivo, firmato interamente da Ivano Fossati, si intitola “Fatelo con me”. A settembre del ’78, la giovane cantante pugliese vince il premio quale rivelazione dell’anno nel referendum “Vota la Voce”, indetto da Tv Sorrisi e Canzoni.

Nel 1979 viene pubblicato il secondo album, intitolato semplicemente “Anna Oxa”.

Il 1980 è l’anno del matrimonio con il collega Franco Ciani e dell’album “Controllo totale”.

Alla fine del 1981, nella 32a edizione del Festival, una Oxa completamente cambiata nel look (bionda platino, vestita elegantemente) presenta la canzone “Io no”, firmata da Mario Lavezzi e Oscar Avogadro.
La Oxa diventa caposquadra del team “Forza Sette” (assieme a Mia Martini, il Banco ed Eros Ramazzotti) nella prima edizione di “Premiatissima”, lo show di Canale 5, con Claudio Cecchetto e Amanda Lear.

Nel 1983, esce il quarto album, intitolato “Per sognare, per cantare, per ballare”, con il singolo “Senza di me”. Un brano intenso e profondo,  cantato da Anna con maestria. Partecipa poi ad “Azzurro ’83”  al “Festivalbar” e a “Premiatissima ’83”, con Johnny Dorelli, Amanda Lear e Nadia Cassini.

Nel 1984 la cantante presenta un nuovo brano di Lavezzi-Avogadro, intitolato “Non scendo”.

Nel 1985,  Anna collabora con  Roberto Vecchioni, che firma i testi di tutte le canzoni dell’album “Oxa” (su musiche di Mario Lavezzi e Oscar Avogadro). Bellissima la canzone “A lei”, che ottiene di nuovo un settimo posto.

Il look sfoggiato dalla cantante barese è sexy e audace.
Il brano “Parlami” viene utilizzato come sigla iniziale di “Azzurro ’85” (condotto da Milly e Gabriella Carlucci).

Anche nel 1986 , Anna Oxa partecipa a Sanremo con un brano di Franco Ciani, Adelio Cogliati e  Umberto Smaila, con il motivo “È tutto un attimo”. Questo Festival conferma definitivamente le grandi doti vocali e interpretative della Oxa, sempre più  provocante.

Dopo due anni di assenza, la Oxa ritorna a Sanremo, proponendo una bella canzone dal titolo “Quando nasce un amore” (firmato da Cogliati, Ciani e Piero Cassano). La cantante si classifica settima.

Nel 1988 esce il nuovo album, dal titolo “Pensami per te”.
Continuano i successi musicali e televisivi:
Anna viene ingaggiata dalla Rai per affiancare Enrico Montesano nella conduzione di “Fantastico”, lo show abbinato alla Lotteria Italia. La cantante si rivela un’ottima showgirl.
Poi, la cantante viene premiata col Telegatto di Tv Sorrisi e Canzoni, quale rivelazione dell’anno.  A febbraio, la cantante è per la settima volta al Festival di Sanremo, questa volta assieme a Fausto Leali. I due propongono il brano intitolato “Ti lascerò” (firmato tra gli altri da Sergio Bardotti, Fabrizio Berlincioni e Franco Fasano).
Il 25 febbraio ’89, la canzone trionfa con 5.851.574 voti, distanziando il secondo classificato, Toto Cutugno.

Ad aprile del 1991, la Oxa diviene mamma di Francesca, avuta dal compagno Gianni Belleno. L’anno seguente, dopo due anni di assenza, pubblica il nuovo album intitolato “Di questa vita”.

Dopo un altro periodo di assenza, la cantante pugliese si ripresenta al Festival di Sanremo del 1999, proponendo il brano “Senza pietà” (di Alberto Salerno e Claudio Guidetti), con grande successo.

Dopo una fortunata tournée condivisa nel 2004 con Fabio Concato, la Oxa si prende una pausa di riflessione, tornando sul mercato discografico nel 2006, con l’album “La musica è niente se tu non hai vissuto”, in cui ripresenta alcuni successi in chiave “etnica.

Auguri,  Anna!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui