Acquapendente, dal 25 al 27 ottobre arriva lo Slow Film Fest 5.0

Appuntamento dal 25 al 27 ottobre al Cinema Olympia (Via Cantorrivo, 5) con la quinta edizione della prima kermesse interamente dedicata ad una visione cinematografica “slow”

Acquapendente

Lo Slow Film Fest 5.0 sbarca ad Acquapendente. Il suggestivo borgo nel nord della Tuscia ospiterà la kermesse che ha già toccato Roma e Antrodoco.

Appuntamento dal 25 al 27 ottobre al Cinema Olympia (Via Cantorrivo, 5) con la quinta edizione della prima kermesse interamente dedicata ad una visione cinematografica “slow”. Un evento che punta all’aggregazione e al confronto, ad un “rallentamento” che è alla base del ritrovarsi e dell’incontro.

Al centro della manifestazione, organizzata da Maria Luisa Celani e Susanna Stivali per l’Associazione Culturale Muovileidee e diretta da Maria Luisa Celani (con la collaborazione alla programmazione di Florencia Santucho, Ilaria Iovine e Cristina Borsatti), le immagini (proiezioni di documentari e cortometraggi sia docu sia di animazione) i temi, ma anche passeggiate tra storia e cultura, escursioni, degustazioni, incontri e matinée con le scuole.

L’ambiente sarà uno dei temi cardine che percorreranno i tre giorni della manifestazione. Dalla lotta delle nuove generazioni, portata tramite la proiezione del documentario “Youth Unstoppable” della regista esordiente Slater Jewell – Kemker, alla terra dei fuochi e le sue vittime, raccontata con “Veleno – “Non potevo fare finta di niente”: la vittoria di Michele Liguori”. Con “Anche i pesci piangono”, di Francesco Cabras e Alberto Molinari, si porrà l’accento sugli ambienti marini e la loro tutela mentre, con “La finestra sul porcile” di Salvo Manzone, sarà protagonista la città di Palermo e l’emergenza rifiuti.

Ruolo di primo piano lo avranno le donne, spesso impegnate dietro la macchina da presa. Un’intera sezione dello Slow Film Fest sarà dedicata a documentari e cortometraggi d’animazione che, in maniera impegnata, affronteranno l’importante tematica della parità dei sessi. Al Cinema Olympia, verranno proiettati anche il pluripremiato cortometraggio colombiano “Naranja” di Hanna Isua e il lavoro collettivo “En Boca di Todas”, entrambi dedicati ai temi della violenza contro le donne e all’uguaglianza di genere.

La partecipazione allo Slow Film Fest sarà interamente gratuita, grazie al contributo della Regione Lazio, al sostegno della Fondazione Cinema per Roma, City Fest, Cna Roma, i Patrocini di Legacoop Lazio, del Comune di Acquapendente, del Comune di Antrodoco e alle tante preziose collaborazioni a partire da quelle con l’Accademia di Cinema e Televisione Griffith di Roma e con il Cisterna Film Festival.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui