La consigliera Ciambella: "L’impianto di provenienza sarebbe uno di quelli che tra aprile e settembre hanno conferito i propri rifiuti anche a Viterbo"

Ad Albano “criticità su rifiuti in ingresso”. “Che aspettano Comune e Provincia di Viterbo a farli analizzare?”

250
“Qualche domanda per il sindaco Arena” da parte della consigliera comunale Luisa Ciambella in tema di rifiuti. La Ciambella ha voluto porre l’attenzione su alcune questioni che riguardano la discarica di Monterazzano, nella quale – ormai da mesi – continuano a giungere rifiuti dalla Capitale e da diverse zone della regione.
“Comune e Provincia di Viterbo hanno avuto mai la premura di far analizzare i rifiuti che in questi mesi sono arrivati e continuano ad arrivare alla discarica di Monterazzano dagli altri territori del Lazio? Se non lo hanno ancora fatto, che cosa stanno aspettando?”, scrive la consigliera.
“Lo chiedo perché da alcuni articoli di stampa si apprende che alla discarica di Albano, riaperta questa estate per far fronte all’emergenza nel Lazio, da analisi Arpa richieste dal sindaco del posto sarebbero emerse criticità su campioni di rifiuti in ingresso. I risultati parlerebbero di non conformità. L’impianto di provenienza sarebbe uno di quelli che tra aprile e settembre hanno conferito i propri rifiuti anche a Viterbo”.
Poi, il messaggio rivolto al primo cittadino di Viterbo: “Sindaco Arena, lei rappresenta la massima autorità sanitaria locale: può escludere con certezza che a Viterbo siano arrivati rifiuti non in regola? – chiede la consigliera – Da quali impianti dopo la fine di settembre sono continuati i conferimenti e da quali invece risultano ancora in corso? Piuttosto che organizzare una manifestazione inutile come quella del 2 agosto fuori ai cancelli della discarica, non sarebbe stato opportuno agire concretamente con procedure formali, come la richiesta di analisi da parte di Arpa? Vanno bene i ricorsi al Tar e al Consiglio di Stato, ma non si poteva intervenire anche a monte come fatto dal sindaco di Albano? Altro che armi spuntate…”, conclude.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui