E ai residenti di Ponte dell'Elce annuncia il completamento del marciapiede per metà febbraio

Addio 2020, il sindaco Arena tira le somme con l’augurio che il nuovo sia l’anno della ripresa per tutti

85

Il 2020, un anno da dimenticare. Anche se non basterà dirlo perché accada. La pandemia è ancora lì, sempre purtroppo presente a ricordarcelo.

Oggi, ultimo giorno di questo anno ferale, tiriamo le somme insieme al sindaco Giovanni Arena.

“Alla fine di questo 2020 penso che non ci siano mai state tante cose così negative che si sono abbattute su Viterbo. A iniziare dalle invasioni degli stormi che hanno anche creato problemi di igiene, e per un mese sono stati fatti tantissimi tentativi per allontanarli, le trombe d’aria, e per la prima volta dal dopoguerra non siamo riusciti a fare il Trasporto della Macchina di S. Rosa a causa della pandemia. Ma anche, e soprattutto, la perdita di tante persone e i problemi di lavoro ed economici legati al Covid”.

Una concatenazione di situazioni che per Arena “hanno sicuramente rallentato un po’ il programma che ci eravamo prefissati come amministrazione e la manutenzione della città ne ha risentito. Nel bilancio per il 2021, che andremo ad approvare a breve, abbiamo impegnato il massimo delle risorse sulla manutenzione del verde pubblico, per le strade e per il decoro e l’igiene urbana. Questi sono i tre capisaldi che ci guideranno nel nuovo anno, insieme alla realizzazione di alcune opere pubbliche: il nuovo ecocentro al Poggino, la bretella che collegherà il quartiere S. Barbara alla tangenziale – già previsto il mutuo e il progetto è pronto -, dovremmo concludere i lavori delle ex scuderie Sallupara e spero di mettere la parola fine alla palestra e alla scuola di S. Barbara”.

E assicura: “Non sono i buoni propositi per l’anno nuovo, sono azioni concrete che oramai sono a buon punto. Sono in corso i lavori per il tanto desiderato marciapiede di Ponte dell’Elce, che in quarto d’ora consentirà ai residenti del quartiere di arrivare a Porta Romana. Un’opera che era già stata prevista nel programma elettorale. Inizieranno i lavori per rendere visitabile la torre di piazza del Comune, apriremo il nuovo museo sotto i portici di Palazzo dei Priori”.

“Il mio proposito è quello di portare a termine i lavori nel più breve tempo possibile”.

E dettaglia sulle tempistiche: “Il museo multimediale sarà inaugurato tra febbraio e marzo e il marciapiede di Ponte dell’Elce verso metà febbraio sarà completato”.

Alcune opere sono già in itinere, altre sono comunque progettate e finanziate “con la speranza che la burocrazia non rallenti tutto. Con il Recovery fund ci saranno molte risorse per i territori. Vedremo se sarà possibile spendere questi soldi perché purtroppo c’è una procedura così lenta che se poi non rispetti determinati tempi rischi di perdere i finanziamenti. Bisognerebbe avere delle leggi più snelle e incisive in modo tale di dare risposte ai cittadini”.

L’auspicio di Arena per il 2021 è che sia “l’anno della ripresa e della sconfitta definitiva del Covid e della pandemia e che ci possa riportare la serenità necessaria per far ripartire tutte quelle attività produttive della nostra città che hanno subito un rallentamento, se non addirittura un blocco, che mette a rischio la ripartenza. Un’economia fondamentale anche per la ripresa di tutte le famiglie “.

“Dobbiamo impegnarci tutti quanti. E mi auguro che ci sia la possibilità e ne sono convinto che, sconfiggendo la pandemia e questa angoscia che stiamo vivendo, possiamo riprendere con grande energia tutto il lavoro che ci attende”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui