Affreschi spariti durante una ristrutturazione, assolti i quattro imputati

Erano accusati i proprietari del palazzo in via San Leonardo, il progettista e il direttore dei lavori: il fatto non sussiste

96
tribunale di viterbo
Il tribunale di Viterbo

Erano spariti degli affreschi da via San Leonardo durante la ristrutturazione di un palazzo medioevale: assolti gli imputati dopo tre anni dal rinvio a giudizio. Per il giudice Silvia Mattei il fatto non sussiste e non costituisce reato.

Infatti, dal 2016 erano alla sbarra i due proprietari dell’immobile, il progettista e il titolare della ditta dei lavori. I quattro erano difesi dagli avvocati del foro di Viterbo, Francesco Massatani e Samuele De Santis. Il giudice, nell’aula 5 del tribunale, ha assolto i quattro. E messo fine a una vicenda che, oltre al sequestro dell’immobile, aveva coinvolto anche il Parlamento.

In effetti, l’allora portavoce grillino alla Camera, Massimiliano Bernini, presentò addirittura un’interrogazione parlamentare al ministero dei Beni culturali. Secondo il parlamentare e la procura di Viterbo, la ristrutturazione del palazzo e la parziale perdita degli affreschi sulla facciata principale erano dei reati da contestare. Gli avvocati Massatani e De Santis hanno convinto il giudice monocratico che così non era; e ha ottenuto l’assoluzione degli accusati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here