Luisa Ciambella, candidata sindaco di 'Per il bene comune' e 'Viterbo la Splendida', oggi protagonista degli incontri Confcommercio

“Agevolazioni fiscali per rivitalizzare le attività commerciali e produttive in centro e fuori le mura”

94

Stamani protagonista degli incontri, promossi da Confcommercio con i pretendenti alla guida di Palazzo dei Priori, Luisa Ciambella.

La candidata sindaco delle liste ‘Per il bene comune’ e ‘Viterbo la Splendida’ nel dialogo-confronto con l’associazione rileva che tra le maggiori criticità riscontrate nel centro storico c’è “la situazione delle attività produttive” per le quali propone un Piano Marshall “con risorse messe dal Comune”.

Per portare nuove attività in centro punta sulle agevolazioni fiscali: “Per i primi 3 anni esenzione dal pagamento dell’Imu”.

E per quelle sopravvissute “una scontistica su uno dei tributi Tari o Imu” e per ristoratori e bar in centro “con il bilancio 2023-2024, oltre all’azzeramento della Tosap, prevediamo anche lo stanziamento di 200mila euro per abbassare la tassazione generale per le aziende operanti nel settore turistico”.

Agevolazioni che interesseranno anche le attività fuori dalle mura.

Per rivitalizzare il centro storico, tra le proposte, il recupero del Cinema Genio per realizzare un mercato di mezzo “con prodotti tipici di qualità intercalato da una libreria e spazio per eventi culturali” e della Zaffera come location “per un centro dedicato all’artigianato”.

Da subito un servizio navetta per residenti e turisti e fare iniziative per richiamare gente. Solo dopo, e in maniera graduale, si potrà ragionare su una eventuale chiusura al traffico in centro.

Su sicurezza e decoro urbano: “ripristinare la task force tra Comune, Questura e Prefettura, intensificare controlli e vigilanza diurna e notturna”.

A fronte del proliferare degli impianti di energie rinnovabili – anche se la precedente amministrazione non ha chiesto opere compensatorie – Luisa Ciambella intende ottenere dalle società almeno un impianto fotovoltaico per fornire energia al Comune e agli edifici pubblici. Il risparmio – 1,2 milioni annui – sarebbe suddiviso per mitigare il caro bollette di cittadini e imprese.

Focus poi sull’assestamento di bilancio di fine dicembre. “Dell’avanzo di 4 milioni, 2,5 – spiega – andrebbero per il piano asfalti mentre il resto sarebbe destinato alla realizzazione della bretella di collegamento tra il raccordino Almirante e Santa Barbara”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui