Al cinema, nonostante tutto

Il cinema Palma e la sua sala virtuale

196

È un nome evocativo il cinema, non descrive solo un luogo, una struttura, ma nasconde un mondo, una cultura. Dietro ad esso si celano anni e anni di storia e di accadimenti, vicende avvincenti e storie di conquiste, avventure romantiche, racconti strappalacrime e divertenti.

È tutto scritto nel suo dna, il cinema è un’attitudine, un sentimento, un momento di svago e di piacere, ma anche di impegno e riflessione.

Non è “Go to the cinema” una delle prime frasi che si apprendono studiando una nuova lingua? È infatti l’emblema della semplicità, dell’ovvietà, è un’azione di estrema limpidezza, l’attività che più di altre rimanda ad un principio comune e normale, tanto normale da apparire scontato.

Il cinema non è solo un film, nasconde, in quell’immediato e intimo rapporto dell’io con lo schermo, tanta di quella socialità che oggi, e solo oggi, mostra tutta la sua evidenza, come forse mai aveva fatto prima.

È l’acquisto di un biglietto per il film che ci ha incuriosito, per quel titolo che ci è stato consigliato, quello relativo ad un argomento che ci è a cuore, quello con il quale sappiamo immedesimarci. Il cinema è un ambiente a cui facilmente ci si affeziona.

È il saluto rivolto a chi è lì per lavorare, a chi offre con passione quel servizio. Il cinema è motivo di dialogo, di incontro, comunicazione e interpersonalità.

Il cinema è una sala con un grande schermo, è un luogo per sé, ma sempre pronto per essere condiviso. Non conosce esclusioni, è comunicazione, è silenziosamente accogliente. Il cinema è anche e soprattutto il parlare di cinema.

È quello che ci manca, oggi e da ormai troppo tempo.

Ma se tutto ciò adesso è scomparso dalla nostra routine, non è detto che dobbiamo in ogni modo rinunciarvi.

Il cinema è anche apertura mentale, quella che permette di trovare risposte di fronte a problematiche di difficile risoluzione.

Ed è proprio questo principio che ha animato il Cinema Palma di Trevignano Romano che, pur nella fisica lontananza, ha scelto di non allontanarsi dai suoi fedeli spettatori.

Ha pensato ad una sala virtuale che fa parte della piattaforma #iorestoinsala. L’idea è quella di poter continuare in qualche modo a lavorare con la loro attività di selezione e programmazione di film e documentari.

Si può accedere alla pagina cinemapalma.com, sfogliare la lista e selezionare la proiezione che si preferisce.

Di lì sarà possibile acquistare il biglietto e godere della visione del film scelto entro i 20 giorni successivi.

Un modo per reinventarsi, per accettare disposizioni inevitabili, pur tentando di non escludere quel pizzico di normalità che oggi tanto manca, ma che, presto o tardi, farà sicuro ritorno.

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui