Allarme cinghiali, Di Sorte (FI): “Che fine hanno fatto i 100 mila euro promessi dalla Regione?”

126

“La Regione Lazio approva un Protocollo d’intesa con varie associazioni di categoria per ridurre la presenza di cinghiali nel Lazio”, questo, ricorda il vicesindaco di Bolsena Andrea Di Sorte, accadeva il  24/05/2019. Più di cinque mesi fa.

“Ottimo testo, ampiamente condivisibile, ma da quel giorno tutto fermo. Tutto tace. Quasi 6 mesi di silenzio assordante”, dichiara il forzista.

“Che fine hanno fatto i 100.000€ che dovevano essere investiti dall’ente regionale? È stata definita con la Asl la procedura per la gestione degli aspetti sanitari inerenti i soggetti catturati o abbattuti, la lavorazione e il trattamento della selvaggina e per le verifiche di conformità sanitaria prevista entro i 60 giorni dalla firma del protocollo? Perché da allora non è stata messa in atto nessuna azione contro questo problema così reale e tangibile sia per gli agricoltori che per i nostri cittadini?”, si chiede Di Sorte, che è anche responsabile per gli Enti Locali di Forza Italia Viterbo.

andrea di sorte
Andrea Di Sorte, vicesindaco di Bolsena

“Abbiamo i cinghiali in strada, gente può perdere la vita, e chi dovrebbe fare qualcosa sta lì a guardare”, conclude nel suo appello alle Istituzioni, richiamando – probabilmente – anche all’intervento di poche ore fa del senatore Francesco Battistoni. L’altro uomo di Forza Italia, infatti, ha da poco segnalato la presenza di cinghiali in via Genova, lanciando nuovamente l’allarme.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui