Alluvione in Germania, numeri da catastrofe: almeno 133 vittime e 1300 dispersi

C'è chi la definisce già "l'alluvione del secolo"

145
La distruzione a Erftstadt Blessem, in Germania (Alexander Franz/Reuters)

Una vera e propria catastrofe “naturale” quella che si sta abbattendo sulla Germania, e non solo. Il maltempo incombe in questa tormentata estate, infatti, anche su Olanda, Belgio, Lussemburgo e Svizzera, sebbene non in maniera tanto devastante come nel Paese della Merkel.

Villaggi e città distrutte, uomini dispersi, autovetture che si muovono pericolosamente incontrollate nei i fiumi esondati nelle città: questo è solo ciò che appare in prima visione a chi si accinge ad ammirare esterrefatto le immagini di ciò che sta succedendo.

I numeri sono da catastrofe: fino a ora, sono state registrate almeno 133 vittime certe e circa 1300 dispersi; cifre che tuttavia dovranno senz’altro salire vertiginosamente.

La situazione è meno grave ma comunque inquietante anche in Belgio: almeno 20 morti e altrettanti dispersi. In totale in Europa la cifra è di 153 vittime.

La stampa popolare sta già definendo l’ “alluvione del secolo” quella di questi giorni, aiutata dalle dichiarazioni di Seehofer, Ministro dell’Interno: “Nessuno può dubitare che questa catastrofe dipenda dal cambiamento climatico. Un’alluvione con così tante vittime e dispersi io non l’ho mai vissuto prima”

“L’Ue è pronta ad aiutare”. Così, invece, la Commissione europea in un tweet.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui