Amatrice, una giornata studio sulla “Ricostruzione”

La giornata è a cura del Consiglio dell'Ordine del Lazio degli assistenti sociali, e ospitata nel centro di comunità  Sant'Agostino in viale Padre Minozzi.

446

Gli obiettivi della giornata di studio organizzata per il prossimo 6  giugno  ad Amatrice sono: analizzare i diversi aspetti che caratterizzano la ricostruzione del tessuto sociale e delle comunità  all’indomani di tragici avvenimenti come quelli rappresentati da un  terremoto; approfondire attraverso la presentazione di una serie di  specifiche ricerche l’esperienza maturata nel caso del terremoto che  nel 2016 ha duramente colpito molte aree del Centro Italia. La giornata è a cura del Consiglio dell’Ordine del Lazio degli assistenti sociali, e ospitata nel centro di comunità  Sant’Agostino in viale Padre Minozzi.

“Una esigenza assoluta – dichiara  Favali, Presidente dell’Ordine del Lazio- che si manifesta in  tutta la sua impellenza quando i riflettori si spengono, i drammi e le difficoltà quotidiane emergono in tutta la loro silenziosa prepotenza  e persone e comunità si trovano a dover ricucire, il più delle volte senza avere a disposizione i necessari strumenti, le trame delle  proprie esistenze, stracciate dal sisma, in termini di priorità,  bisogni e aspettative”.

Il programma dei lavori della giornata di studio ‘Dalle macerie può nascere…’ prevede, alle ore 10, dopo i saluti di esponenti delle  istituzioni tra i quali il neo sindaco di Amatrice, Antonio Fontanella,  quelli dei rappresentanti dell’Asproc Lazio e della Asl di Rieti, gli
interventi della presidente Favali e della consigliera dell’Ordine,  Chiara Pilotti; alle 10,30 prevista la presentazione della ricerca ‘Rsa di Borbona prima, durante e dopo l’evento sismico del 2016’ a  cura di Lavinia Calcani, coordinatrice infermieristica, Martina
Colapicchioni, assistente sociale e Diana Fantacci, psicologa psicoterapeuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui