Animali abbandonati e cacciatori senza buon senso

157

Non è la prima volta, e non sarà di certo l’ultima, che si trovano animali abbandonati per strada. Oltre ad essere un atto di grave scellerataggine, comporta grandi rischi alla circolazione stradale e “l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro” (art. 727 del c.p). Senza tralasciare il fatto che i cacciatori si divertono ad ucciderli e lasciarli periti sul posto.

Cari cacciatori, forse il detto “Carpe Diem” non sempre va preso alla lettera.
Tutto questo è accaduto pochi giorni fa, a Montefiascone, nel territorio privato di un’azienda. La protesta è stata dichiarata pubblicamente sul profilo social di un lavoratore, lamentandosi del fatto che, oltre ad odiare l’abbandono dei “nostri amici”, causare pericolo ai greggi e alle macchine sulla strada, non è concepibile uccidere delle povere bestie e lasciarle morte su un territorio di riserva.

Il lavoratore, proprietario del terreno, sul suo post di Facebook ha dichiarato: “Lo so che non sapete cosa vuol dire seminare un campo, il lavoro, il prezzo dei sementi ecc… ma dovete portare rispetto. ”
Un appello molto sentito, che speriamo faccia ragionare tutti noi prima di compiere questi gesti pieni di empio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui