Rescissione consensuale con buonuscita fissata a circa 7 milioni, prosegue la maledizione per i nerazzurri: i 4 allenatori che hanno portato a Milano trofei negli ultimi 11 anni sono tutti andati via

Antonio Conte rescinde con l’Inter: ora è caccia al sostituto per la panchina

131

Era nell’aria, ma l’ufficialità è arrivata pochi minuti fa: Antonio Conte non sarà più l’allenatore dell’Inter nella prossima stagione. Il tecnico, fresco vincitore della Serie A – trionfo atteso da 11 anni nella Milano nerazzurra – non era convinto dal parziale ridimensionamento prospettato dalla proprietà cinese, che sta prendendo in considerazione la possibile cessione di un big. L’accordo per la risoluzione consensuale del contratto si aggira attorno ai 7 milioni di buonuscita. Ora parte il totonome per capire chi sostituirà Conte sulla panchina dell’Inter.

In sede, oggi, si era intravisto Tullio Tinti, procuratore di Alessandro Bastoni (difensore dell’Inter) ma anche di Simone Inzaghi, altro allenatore non convinto dalla propria società, ovvero la Lazio di Claudio Lotito. Che possa essere un indizio? Potrebbe essere il mister biancoceleste a sostituire Conte? Tinti, dal canto suo, afferma di essere in sede solo ed esclusivamente per parlare del rinnovo di Bastoni.

Secondo alcuni, tuttavia, il primo nome sulla lista dell’Ad Beppe Marotta sarebbe quello di Massimiliano Allegri, nel mirino anche della Juventus per il dopo Pirlo. C’è già un precedente tra i due allenatori: nel 2015 Conte lascia la Juve e, quasi subito, a subentrare al suo posto è proprio Max Allegri, che aprirà un ciclo di successi durato 5 anni. Che la storia possa ripetersi all’ombra della Madonnina?

Comunque vada ed a prescindere da chi sostituirà l’ormai ex tecnico nerazzurro, rimane un dato di fatto: negli ultimi 11 anni, tutti gli allenatori che hanno conquistato un titolo con l’Inter, dopo pochi giorni, hanno lasciato il club. Era successo con Mourinho, artefice del celebre triplete nel 2010 e fuggito subito dopo il fischio finale in direzione Real Madrid, con il suo sostituto Rafa Benitez, vincitore del Mondiale per Club e silurato la stessa settimana dall’allora presidente Massimo Moratti, e con Leonardo, vincitore della Coppa Italia nel 2011 e dimissionario pochi giorni dopo. Ora anche Conte farà parte di questa lista che, per i tifosi nerazzurri, suona quasi come una maledizione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui