Il sindaco Arena dopo l'incontro con gli imprenditori del consorzio: "La diffida è stata un atto forte, ma ci sono cavilli amministrativi"

“Apea, i progetti possono essere avanzati anche senza la presenza del Comune”

313

Consorzio Apea: dopo il Consiglio comunale straordinario sul tema, il sindaco Arena, durante la seduta di ieri, ha parlato dell’incontro con gli imprenditori del Poggino, avvenuto in giornata.

A seguito della diffusione della notizia di una diffida che il Comune ha inviato al consorzio nel mese di febbraio, la preoccupazione maggiore riguardava il fatto che gli imprenditori dell’area industriale viterbese non avrebbero potuto partecipare a bandi regionali per lo sviluppo e la riqualificazione del polo. Nulla di tutto questo, secondo le parole del primo cittadino. Arena ha infatti reso noto che non esiste “nessun pericolo che la non presenza del Comune all’interno del consorzio possa far sì che i progetti del gruppo non possano essere presentanti. La diffida è stata un atto forte – ha chiarito – ma ci sono dei cavilli amministrativi”.

“L’incontro – ha aggiunto il sindaco – è stato finalizzato a trovare una soluzione soddisfacente per l’amministrazione e per gli imprenditori che hanno dato via all’Apea. Il fatto è che non c’è mai stato un atto del Consiglio che abbia deliberato l’entrata nel consorzio del Comune di Viterbo, quindi quel vulnus dobbiamo assolutamente colmarlo, esplicitando la volontà dell’ente in tal senso. Ciò comunque non pregiudica i termini dei bandi, che sicuramente saranno prorogati”.

La prossima settimana il primo cittadino si recherà al Poggino per “andare nel merito” e capire “come il Comune possa essere da guida per ottenere i finanziamenti e dare una risposta che non c’è mai stata negli anni passati su un intervento importante per l’area”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui