Aria pulita a Viterbo e nei comuni della Tuscia, secondo lo studio dell’ Arpa Lazio

283

Aria pulita e più che buona a Viterbo e provincia, secondo lo studio annuale dell’Arpa Lazio.

Nel confronto fra i vari livelli di inquinamento nei comuni della regione, Viterbo e la nostra provincia emergono per la buona qualità.

Ottima l’aria ad Acquapendente, Arlena di Castro, Canino, Cellere, Gradoli, Grotte di Castro, Ischia di Castro, Lubriano, Piansano, San Lorenzo nuovo, ma anche a Tessennano, Tarquinia e Valentano, che sono tutti al di sotto dei 10 μg/m3.
Nel capoluogo (23 μg/m3) e soprattutto a Orte e Gallese (25 μg/m3) l’aria è un po’ più inquinata, anche se sempre abbastanza buona.

Il valore limite annuale per la protezione della salute, stabilito dalla normativa vigente, infatti è di 40 μg/m3 e tutti i comuni della Tuscia sono al di sotto.

È importante controllare le elaborazioni e le valutazioni dello stato di qualità dell’aria del territorio regionale e le cause meteorologiche che la determinano. Tutte queste informazioni sono organizzate secondo le scale temporali previste dalla Normativa Vigente, rispettando quanto previsto dal D.Lgs.195/2005 (che recepisce la Direttiva 2003/4/CE) e per questo totalmente disponibili al pubblico.

Va ricordato che col termine valutazione si intende (Direttiva 2008/50/CE) l’attribuzione, concettualmente ad ogni punto del territorio, di livelli di concentrazione al suolo degli inquinanti previsti dalla normativa e delle principali variabili meteorologiche (cioè la ricostruzione dei relativi campi spaziali degli stessi) sulla base dell’uso combinato (assimilazione) delle misure disponibili e delle simulazioni modellistiche.

I domini territoriali considerati nella realizzazione delle valutazioni sono l’intero territorio regionale (con cella di 4×4 km) e la città di Roma (con cella 1×1 km).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui