Arriva il temporale e la cittá si allaga di nuovo, ma quando finirà questo strazio?

123

Un film visto e rivisto fino alla nausea: arriva il temporale, lo “sgrullone” come lo chiamano i più anziani, e Viterbo finisce allagata.

Tombini otturati, grondaie che rischiano il collasso, tubature fognarie che per miracolo evitano l’implosione. Insomma, ogni volta che un nubifragio ci si abbatte sopra, Viterbo rischia di fare la fine di Atlantide. Ma quanto tempo e, soprattutto, quanti altri acquazzoni dovranno passare prima che in Comune si decida di agire per porre fine a questo strazio continuo?

Ieri sera, e scusateci per le foto molto sfuocate, la zona colpita dall’allagamento più pericoloso è stata di nuovo quella di Porta San Pietro, dove è arrivato da via delle Fortezze un autentico fiume d’acqua che si è abbattuto contro l’Osteria Salicicchia, locale dove per la decima volta l’acqua ha fatto danni all’interno.

Le motivazioni del perchè quella zona sia così frequentemente soggetta agli allagamenti, francamente, appaiono misteriose. Molti attribuiscono la colpa ai tombini otturati, e al 90% hanno ragione. La scarsa manutenzione dei vari marciapiedi e delle strade in generale, dove ci sono foglie morte, aghi di pino ed ogni altro di rifiuto anche vagamente immaginabile, rende quasi del tutto inevitabile l’otturazione dell’apparato fognario, che non regge e finisce per riversare litri di acqua sulle strade.

Speriamo – ma ci perdonerete se a riguardo crediamo di essere scettici – che questa sia stata l’ultima volta e che il sindaco Arena si decida finalmente a fare tutti i sopralluoghi del caso per capire quale strada tecnica si deve seguire per risolvere questo annoso problema

1 commento

  1. È un fenomeno barzelletta, che ha tra l’altro coinvolta la sede di una intervista fiume al DG della Asl, pertanto anche un luogo-cult: specialmente questo dato dovrebbe catturare l’attenzione del Sindaco per mondare l’immane scempio che ciclicamente si ripete. Pensi un po’, prof. Arena, se in quel mentre si fosse assisa, per comunicarci le consuete mirabolanti imprese della Azienda Sanitaria, proprio la DG che Ella sembra conoscere assai bene?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui