E' uno dei dilemmi su cui si sta confrontando a muso duro il Carroccio viterbese

Assessore Lega? Forse esterno però del territorio o meglio scegliere tra i consiglieri?

122
consiglio

Tutto tace, nessuno si espone e la ‘matassa’ Lega, con grossi nodi da sciogliere, è sempre più ingarbugliata.

L’incontro romano non sembra aver riportato serenità tra le fila del Carroccio viterbese, anzi avrebbe reso la situazione ancora più incandescente.

Complicato anche capire le dinamiche e gli equilibri in movimento pure tra le figure apicali del partito di Salvini.

Come nel caso del vice segretario nazionale Crippa che secondo alcuni vorrebbe imporre la propria visione sui territori mentre per altri preferirebbe che le posizioni da coprire in giunta, nella fattispecie l’assessore che dovrebbe sostituire Contardo, fossero ricoperte da persone in loco.

Due diverse interpretazioni, emblematiche della confusione che regna.

Per quanto riguarda il sostituto nell’esecutivo al comune di Viterbo quindi potrebbe cadere l’ipotesi dell’assessore esterno, o quantomeno se proveniente da fuori provincia, e tornare in auge l’opzione del consigliere che assurge al ruolo di assessore.

Nel mirino dei malpancisti sarebbe finita anche la gestione da parte del senatore Fusco, ritenuta su Viterbo ma non solo, poco incisiva.

Insomma sembrerebbe iniziata una guerra fratricida senza esclusione di colpi.

Ma il condizionale è d’obbligo. Sino a quando non arriveranno dichiarazioni ufficiali la situazione può essere ribaltata in qualsiasi momento.

E’ la politica, bellezza.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui