AstraZeneca, Ema: “Più benefici che rischi e nessun limite d’età” ma l’Italia va verso utilizzo su over 60

100

“I benefici superano i rischi”. Così l’Ema, l’agenzia europea del farmaco, si è pronunciata sull’ennesima valutazione del vaccino AstraZeneca per rispondere ai dubbi sorti a seguito del verificarsi di gravi casi di trombosi cerebrale dopo la somministrazione.

Per l’Ema è plausibile un nesso di causalità, eventi rari che riguardano persone con meno di 60 anni, soprattutto donne ma ribadisce che “i benefici superano i rischi”.

In Italia, secondo quanto dichiarato dal presidente del Consiglio superiore di sanità Franco Locatelli, l’orientamento sarebbe quello di raccomandare l’uso preferenziale del vaccino anglo-svedese sugli over 60.

Nelle prossime ore, dopo l’incontro tra Cts e Aifa, è attesa una circolare del ministero della Salute per fornire direttive chiare sulla somministrazione di AstraZeneca.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui