Non sono ancora state rinvenute dosi appartenenti al lotto ABV2856, ritirato in questi giorni perché sotto sequestro

AstraZeneca, le dosi del lotto ABV2856 non sono presenti nella Tuscia

628
Vaccino Astra Zeneca

La Tuscia non ha ricevuto alcuna dose del vaccino AstraZeneca appartenente al lotto ABV2856, ma l’assenteismo ha comunque colpito anche i viterbesi. Sono infatti molti quelli che hanno deciso di non farsi vaccinare dopo la notizia appresa nei giorni scorsi, riguardo il ritiro del lotto di vaccini dell’azienda farmaceutica.

A scatenare le indagini è stata la morte di tre militari in Sicilia, una delle categorie a cui è destinato il vaccino svedese. Il primo riguarda un militare della Marina in servizio ad Augusta (Siracusa), Stefano Paternò di 43 anni, morto per un arresto cardiaco dopo essersi sottoposto il giorno precedente alla prima dose di vaccino dal lotto bloccato oggi. Il secondo caso è relativo al decesso di Davide Villa, 50 anni, agente della Squadra mobile, deceduto 12 giorni fa dopo l’inoculazione del vaccino proveniente sempre dal lotto oggi vietato. Una terza Procura, quella di Trapani, indaga sulla morte del maresciallo dei carabinieri Giuseppe Maniscalco, di 54 anni, stroncato da un infarto 48 ore dopo aver fatto il vaccino. Sull’ultimo  caso l’autopsia ha escluso ogni nesso causa-effetto, ma la procura ha disposto ulteriori indagini.

La diffidenza era già preponderante nella popolazione e l’ultima notizia non aiuta. Dobbiamo ricordare che il vaccino AstraZeneca è stato già somministrato a oltre 10 milioni di persone nel Regno Unito e non si sono registrati che effetti lievi, di breve durata e ben noti come febbre, emicrania e dolore alle ossa. Per ciò che riguarda segnalazioni di effetti più gravi (incluse morti improvvise) non è stato ancora stabilito alcun nesso ed è doveroso considerare anche la casualità nel verificarsi degli eventi. Il rapporto benefici-rischi è estremamente positivo e non c’è alcun motivo che spieghi la psicosi generale che si è vista negli ultimi giorni. Bisogna perciò continuare a recarsi nei centri di vaccinazione con grande tranquillità, senza alcun timore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui