Ater, una situazione di crisi profonda…è lotta all’abusivismo!

Ater è sull'orlo di una crisi di nervi in tutta la provincia. Sono 135 gli alloggi occupati abusivamente nel viterbese e si trova a perdere circa 800 mila euro l'anno.

238
Ater

Ater è sull’orlo di una crisi di nervi in tutta la provincia. Sono 135 gli alloggi occupati abusivamente nel viterbese: 14 i casi in cui è stata notificata la diffida che impone di lasciare l’abitazione entro un mese. Molte altre, invece, sono le situazioni che hanno richiesto gli accertamenti da parte della Polizia Locale. Alcune famiglie non rispecchiano più le caratteristiche per le quali occupano l’appartamento, ma altre ne sono entrate in possesso con la violenza.

Porte sfondate per quasi la metà dei casi: impossibile per gli addetti ai lavori rimediare a tali situazioni che portano spesso alla formulazione di minacce o mancate risposte. E questi casi vengono appresi solo dalle denunce da parte dei vicini spaventati. In questo modo, l’Ater, si trova a perdere circa 800 mila euro l’anno vista l’aggiunta delle morosità.

Molti degli sfratti sono resi inefficaci dalle situazioni di emergenza sociale che, però, tolgono la possibilità di ricevere un appartamento ad altre persone ugualmente bisognose di aiuto. Solo a Viterbo, gli alloggi occupati abusivamente, sono ben 53. Le altre divise nel resto della Tuscia.

Tutti numeri confermati dal commissario Ater Ivan Grazini che non nasconde la difficoltà del momento. Poco il potere in mano ai suoi dipendenti che spesso devono affidarsi all’ufficiale giudiziario per fare chiarezza riguardo le situazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui