"Quello che è successo sabato è gravissimo, non è un attacco rivolto solo agli studenti che erano all'interno della scuola ma a tutta l'istituzione scolastica e alla protesta, che procedeva pacificamente"

Attacco al Ruffini occupato, gli studenti: “Dispiace che la Dirigente Scolastica non abbia ancora espresso solidarietà”

178
Liceo Ruffini Viterbo

“Quello che è successo sabato è gravissimo, non è un attacco rivolto solo agli studenti che erano all’interno della scuola ma a tutta l’istituzione scolastica e alla protesta, che procedeva pacificamente”.

Gli studenti che hanno preso parte all’occupazione del liceo scientifico Paolo Ruffini di Viterbo commentano così quanto avvenuto nella notte di sabato scorso, quando i ragazzi presenti all’interno dell’istituto con sede in Piazza Dante sono stati oggetto di un attacco da parte di un gruppo che avrebbe prima insultato pesantemente chi partecipava alla protesta, per poi proseguire con altri atti vandalici fino a distruggere lo striscione posizionato all’esterno dell’edificio.

“L’attacco non è rimasto inosservato, e si è subito sollevato un fronte schierato a sostegno degli studenti che ha espresso solidarietà agli occupanti”, commentano gli studenti del Ruffini.

“Ci dispiace solo che la stessa solidarietà arrivata da Presidente e vicepresidente della Provincia, Sindaco, Anpi, Arci, e altre realtà non sia ancora giunta dalla nostra Dirigente Scolastica”, concludono.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui