“Uno degli attacchi più sofisticati e forse più grandi degli ultimi cinque anni”. Il New York Times punta il dito contro la Russia che peró nega ogni coinvolgimento

Attacco hacker agli Usa, in down anche Google e Meet

827
cybersicurezza informatica

Attacco Hacker al Governo Usa e Google in crash. Così You Tube, Gmail, la piattaforma Meet e molte altri sistemi. Diverse agenzie federali prese di mira da pirati informatici legati a un Paese straniero. Lo riporta il NYT, secondo cui i principali sospetti ricadono sulla Russia.

“In uno degli attacchi più sofisticati e forse più grandi degli ultimi cinque anni, i sistemi di posta elettronica sono stati violati presso i dipartimenti del Tesoro e del Commercio. Altre violazioni sono oggetto di indagine.” Lo riporta il NYT.

Mosca nega il coinvolgimento secondo l’Ansa.

Sistemi in crash anche per le scuole che si affidano alla didattica a distanza con piattaforme legate ai grandi brand dell’informatica.

Gli hacker hanno fatto irruzione nelle reti dei dipartimenti del Tesoro e del Commercio americani, a meno di una settimana dalla denuncia dell’azienda di sicurezza informatica FireEye di essere stata violata da un attacco che secondo gli esperti del settore proverrebbe dalla Russia.

In risposta a quella che potrebbe essere una penetrazione su larga scala delle agenzie governative degli Stati Uniti, il Dipartimento per la sicurezza interna ha emesso una direttiva di emergenza che invita tutte le agenzie civili federali a setacciare le loro reti alla ricerca di compromissioni.

Secondo il New York Times non è ancora chiaro quale sia l’obiettivo dell’attacco hacker, in realtà in atto da diversi mesi: oltre alle agenzie federali Usa, con l’attacco ai sistemi software di SolarWinds gli hacker potrebbero aver avuto accesso ai network informatici di società come Google e Microsoft.

Il portavoce del presidente russo Vladimir Putin, Dmitry Peskov, ha negato le accuse rivolte alla Russia di essere responsabile dell’attacco hacker ai dipartimenti del Tesoro e del Commercio degli Usa. “Nego le accuse”, ha detto Peskov, citato dall’agenzia russa Interfax, “non abbiamo niente a che fare con questo“. La Russia ormai da diversi anni è associata ad alcuni imponenti attacchi informatici avvenuti negli Stati Uniti: il più clamoroso è quello che portò al furto di email del Partito Democratico poco prima delle elezioni del 2016 tra Donald Trump e Hillary Clinton.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui