Un implacabile contrappasso si è abbattuto su Zingaretti, positivo al Coronavirus

Auguri, presidente. Si riprenda! E si penta di aver picconato la sanità laziale

6796

Il governatore part-time del Lazio, nonché leader nazionale del Pd, Nicola Zingaretti si è beccato – forse dieci giorni fa a Milano in un avventuroso e ottimistico brindisi con un gruppo di studenti dem – il maledetto virus cinese e la cosa ci dispiace davvero e ci tiene in umana apprensione.

Il direttore Giovanni Masotti
Giovanni Masotti

Non si scherza su roba del genere e tantomeno non si augura il peggio, come peraltro molti odiatori sinistronzi hanno fatto con Matteo Salvini alla notizia che un giovane agente della sua scorta era risultato positivo al Corona. Ma, mentre auspichiamo con sincerità un pronto ristabilimento al presidente “assente” della nostra Regione, non possiamo non rilevare un maligno contrappasso nella sua attuale condizione. Criticatissimo – e certamente non solo da noi – per i suoi cronici ritardi e le sue gravi sviste nella sanità laziale, Zingaretti si trova ora a stretto e forzato contatto con quel sistema che ha largamente contribuito a indebolire e picconare. Che Dio gliela mandi buona! Ma, quando si sarà pienamente ripreso, confidiamo che tragga insegnamento dalla non piacevole esperienza vissuta e ponga finalmente più attenzione ad un settore vitale che ha trascurato e talvolta umiliato con scelte dettate dal più univoco e bieco clientelismo. Stia bene, presidente!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui