Riceviamo e pubblichiamo

Bassano Romano, tante iniziative religiose nonostante il coronavirus!

469

San Vincenzo chiama, la Madonna della Pietà risponde. Dopo l’evento di ieri al Monastero dei Benedettini Silvestrini un’altra iniziativa significativa dei bassanesi per esorcizzare il difficile momento, rimanendo una grande comunità.

Dopo le campane fatte suonare da Don Alessandro Romano con l’Inno d’Italia, stamattina è stata la volta di quello della Madonna della Pietà, a cui tutta la popolazione è particolarmente legata da un profondo sentimento di devozione.

Del resto anche la tradizione tramandata oralmente rimanda, in qualche modo, al passato quando, durante un periodo di pestilenza e di carestia che, abbattutosi in quegli anni sul popolo bassanese, avrebbe portato le famiglie ed in modo particolare gli uomini ad affidarsi alla pietà della Madonna perché ponesse fine alle sofferenze. La grazie ricevuta ed il conseguente ristabilirsi della situazione avrebbe poi indotto gli uomini a celebrarne ogni anno la ricorrenza, destinando alla festa il compenso di una giornata lavorativa.

L’idea odierna, nata sui social da Enrico Sangiorgi, “è stato un gesto spontaneo – ha puntualizzato il 50enne bassanese – dettato non solo dal cuore ma dall’amore che nutriamo nei confronti della Madonna”, condivisa con il parroco Don Giuliano Alessi, sentito anche il Sindaco Emanuele Maggi, ha visto suonare l’inconfondibile inno, con un singolare ma apprezzato flash mob.

“In queste domeniche – ha detto Don Giuliano Alessi – preghiamo l’Angelus, la preghiera mariana e visto che Enrico Sangiorgi aveva avanzato la proposta sui social, abbiamo pensato tutti insieme di far suonare in paese l’Inno della Madonna della Pietà. C’è stata tantissima partecipazione questa mattina. E’ stato un momento molto commovente denso di fede e di amore. Grazie Bassano Romano, grazie Madonnina” – ha concluso il parroco bassanese -.

Comune di Bassano Romano

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui