Basta bilancia per la dieta, le quantità si misurano con le mani!

Quando si vogliono buttar via i chili di troppo, uno dei nemici è la difficoltà di pesare gli alimenti. La British Nutrition Foundation suggerisce un metodo semplice ma efficace: usare mani e dita.

344
bilancia per la dieta

Uno dei motivi per cui è difficile seguire una dieta di dimagrimento, secondo quanto dicono la maggior parte delle persone che ne sono interessate, è la difficoltà a misurare le quantità dei cibi. Non solo ridurre le razioni o altresì eliminare alcuni alimenti, è ostico, ma dover per tre volte al giorno, essere alle prese con la bilancia, rischia di essere quel disincentivo in più per mollare il percorso di una dieta.

Sono umerosi coloro che di fronte alla gimcana dei grammi e alla noia di dover pesare ogni cosa prima di cuocerla, traggono un motivo in più per considerare il nuovo regime alimentare alla stregua di un lavoro forzato, con tutto ciò che ne consegue anche a livello psicologico. Diversi pazienti hanno rivelato che la tirannia della bilancia nella quotidianità dei pasti, fa diminuire sensibilmente il piacere della tavola che comunque secondo i dietologi, non deve essere intaccato se non si vuole arrivare presto al fallimento della dieta o nella gran parte dei casi al recupero delle vecchie abitudini alimentari e al conseguente incremento di peso.

Cosa fare? Le porzioni suggerite per un equilibrato apporto di carboidrati, proteine e vitamine, sono di solito inferiori a quello che normalmente si porta in tavola. I nutrizionisti concordano che bisognerebbe assumere 80 grammi di pasta, 70 di carne e 130 di pesce.

Ma sono standard che pochi rispettano se un terzo della popolazione italiana è sovrappeso come indica il Barometer Diabetes Observatory Foundation 2017. Una percentuale che sale considerevolmente nel Regno Unito e negli Stati Uniti, dove oltre la metà della popolazione è troppo “in carne”.

Per aggirare lo scoglio della bilancia che ben pochi sono disposti ad usare, la Società italiana di Nutrizione umana, da anni pubblica nei Larn (i Livelli di assunzione di riferimento di nutrienti di energia) una tabella nella quale accanto ai grammi consigliati per i vari ingredienti, sono indicati anche, dove è possibile, gli strumenti domestici che è possibile utilizzare per la misurazione, ovvero cucchiai, cucchiaini, tazze.

Si tratta però di una indicazione di massima. Mentre nei Paesi anglosassoni, questi utensili hanno dimensioni standard, in Italia hanno capienze diverse. È il motivo per cui nei Larn compare soprattutto il peso in grammi.

Ci viene in aiuto la British Nutrition Foundation che ha messo a punto una guida, il Find your balance-get portion wise (www.nutrition.org.uk/findyourbalance) che per Trump fare le giuste porzioni, oltre ad alcuni utensili di cucina, suggerisce di usare le mani. Ad esempio per misurare la giusta quantità di spaghetti, questi crudi dovrebbero stare nello spazio che si crea tra indice e pollice di una mano, pari a circa due euro. La quantità corrisponde a circa 75 grammi.

Una porzione di filetto di pesce come salmone o merluzzo e di pollo, dovrebbe essere grande quanto la metà di una mano; 60-70 grammi di riso cotto corrispondono a due manciate e dovrebbero stare in due mani unite a formare una coppa; 40 grammi di cereali, che è la dose giusta secondo i nutrizionisti, corrisponde a tre manciate mentre 90 grammi di cous cups a due manciate; una patata di 220 grammi dovrebbe essere della grandezza del pugno di una mano; anche un frutto, considerato come porzione, non deve superare le dimensione di un pugno; infine per essere sicuri che una fettina di formaggio stagionato è pari a 30 grammi, basta che non superi i due pollici accostati.

I nutrizionisti anglosassoni come quelli della Società italiana di nutrizione sono concordi nel consigliare, per una alimentazione bilanciata, per l’intera giornata, 5 o più porzioni di verdura e frutta, 3-4 di carboidrati (pane, pasta, riso, patate), 2-3 di alimenti proteici (legumi, pesce e uova) e 2-3 di latticini. Ovviamente in quantità controllate.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui