Basta un click per dimagrire

Siti internet, social, influencer: il web sta rivoluzionando il mondo del fitness e della dieta

274
basta un clic per dimagrire

Un tempo c’era Jane Fonda che negli anni Ottanta, con i videotape e gli scaldamuscoli colorati, regalava a tutte le donne l’illusione di avere un corpo perfetto con pochi esercizi. Ora sono le influencers sul web a dettar legge a colpi di consigli e soprattutto immagini di glutei scolpiti e seni che sfidano la forza di gravità. Sul web è un proliferare di siti che propongono training di ogni tipo e per tutte le età. Alcuni sono anche interattivi e invitano gli utenti a pubblicare selfie prima e dopo il workout. È un fenomeno che negli ultimi anni sta rivoluzionando il mondo del fitness. Persino le grandi fiere sulle ultime novità in termini di allenamento e di macchinari per le palestre danno sempre più spazio agli influencers che diventano ver e propri testimonial, ciascuno con la sua, personale, ricetta per mantenersi in forma perfetta.

La pagina Instagram @Kaylatransformation della australiana Kayla Itsines, o quella dell’ex modella venezuelana Michelle Lewin, o dell’americana Jennifer Selter, nota per i suoi irraggiungibili glutei, sono prese d’assalto da milioni di followers che scaricano sullo smartphone le applicazioni con gli esercizi consigliati e i mille consigli per tonificare le varie parti del corpo.

Le motivazioni che spingono a inseguire questi guru della perfezione fisica, sono gli stessi che animavano, negli anni Ottanta, numerose donne a preferire i video di Jane Fonda alla palestra sotto casa. Non tutte se la sentono di sfidare lo sguardo di coetanee o più giovani negli esercizi, di esporre un corpo che non sentono all’altezza di una competizione diventata sempre più agguerrita. Inoltre per molte è anche una questione economica. Le palestre, sempre più attrezzate, sono diventate un investimento che non è alla portata di un largo pubblico. E quindi cosa c’è di meglio che seguire passo passo i consigli di una influencer nella comodità della propria camera da letto o nel salotto.

Su iTunes e Googleplay ci sono corsi di ogni tipo, dallo yoga rilassante al fitness più spinto. Fitplan di Michelle Lewin consente una gran varietà di scełte. Sweat with Kayla unisce agli esercizi giornalieri di 28 minuti dal titolo (che è tutto un programma) “Bikini body guide”, i consigli per un’alimentazione corretta. Tra i più seguiti c’è il Fitbody with Anna Victoria con il programma snellente a circuiti da 12+12 settimane. Questi solo per citarne alcuni. Poi ci sono le app non legate a un personaggio famoso: 8Fit, Keep Fit, Team Body Project, Sworkit, Asana Rebel.

I costi vanno da 20-35 dollari per un mese di training a 150-160 dollari per un anno di esercizi progressivi e differenziati.
Insomma la pigrizia è diventata un lusso per pochi. Il bombardamento di modelli fisici e relativi esercizi per raggiungere l’obiettivo, è quotidiano e intenso. Impossibile resistere.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui