Bellezze naturali, il FAI organizza una giornata alla “Grotta di S.Michele”

La grotta è stata luogo di culto fin dal periodo protostorico e nel medioevo divenne un sito consacrato all'Arcangelo Michele.

194

Domenica 5 maggio, il Gruppo Fai ( Fondo Ambiente Italiano) Sabina organizza, in collaborazione con il comune di Monte San Giovanni, una giornata di visite alla Grotta di San Michele al Tancia.

La grotta è stata luogo di culto fin dal periodo protostorico e nel medioevo divenne un sito consacrato all’Arcangelo Michele. A lungo conteso tra l’Abbazia di Farfa e la Diocesi Sabina, l’eremo è da sempre oggetto di grande devozione popolare tra le genti del territorio Sabino, che accorrevano al Monte Tancia, nella falesia dove si apre la spelonca, per celebrare appunto la Festa di San Michele.

Nel santuario del Tancia la festa in onore dell’Arcangelo viene da sempre celebrata l’8 maggio. La leggenda di fondazione dice che in quel giorno papa Silvestro si recò alla grotta per dedicarla a San Michele che aveva sconfitto in quel luogo un drago che opprimeva i sabini con il suo “mortiferus flatus”.

Domenica 5 maggio si potrà parcheggiare e prendere la navetta che porta all’inizio del sentiero da dove in un quarto d’ora si può  raggiunge la grotta. La prima navetta partirà alle ore 10. Alle ore 11 verrà celebrata la messa all’interno della cavità. Dopo la funzione religiosa,  la prof.ssa Tessa Canella ed il prof. Umberto Longo dell’Università La Sapienza di Roma,  spiegheranno la storia e gli aspetti antropologici dell’Eremo di San Michele.

Nella corso della mattina sarà inoltre presente e si esibirà nel piazzale davanti la cavità la banda musicale di Monte San Giovanni. Sarà possibile mangiare con menu concordati per l’occasione nei ristoranti della zona.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui