Bollette acqua, sì dei sindaci a un aumento di 9 euro l’anno

Talete comunica l'esito dell'assemblea Ato che si è tenuta stamani

109
La sede di Talete Spa a Viterbo

“C’è sintonia fra Talete SpA e i Comuni”. A dichiararlo è la stessa società idrica con una nota che prosegue: “La conferma è arrivata questa mattina al termine della Conferenza dei Sindaci e dei Presidenti delle Province dell’Ambito Territoriale Ottimale n°1 Lazio Nord-Viterbo che ha decretato la nuova tariffa legata all’acqua.

I sindaci e i loro rappresentanti hanno approvato e firmato l’incremento delle tariffe che si concretizza per l’anno 2021 in un aumento medio di 9 euro.

Ne deriva che l’importo (sempre su scala media) per un contratto domestico-residente di quattro persone passa da 244 euro e 60 centesimi a 252,99. Ovvero circa 2,10 euro a trimestre”.

“Ringraziamo i sindaci – ha sottolineato Salvatore Genova, amministratore unico di Talete SpA – che hanno votato l’approvazione di una tariffa attesa da quasi un anno”.

“Questo leggero aumento – ha aggiunto il numero uno di Talete – unito al recupero delle morosità permetterà all’azienda di effettuare nuovi investimenti, l’ammodernamento delle infrastrutture e il miglioramento ulteriore del servizio reso all’utenza”.

Da parte di Salvatore Genova infine la conferma di “una iniziativa avvenuta di concerto con i sindaci, soci e non”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui