Dura condanna dal Consiglio comunale di Viterbo agli aumenti sulle cartelle idriche. Il sindaco Arena: "Chiederò ulteriori spiegazioni in assemblea dei soci"

Bollette “pazze” da Talete: “La situazione sta sfuggendo di mano”

366
consiglio

“Tutto ha un limite. Ingiustificabile mettere tensione alle famiglie in un momento come questo”. Dura condanna ieri in Consiglio comunale da Giulio Marini (Forza Italia) agli aumenti sulle bollette dell’acqua riscontrati di recente da un gran numero di viterbesi, che fanno registrare importi di 500, 600, 800 e anche mille euro.

Per il capogruppo di Forza Italia “bisogna dare atto che la situazione sta sfuggendo di mano. Capisco benissimo le difficoltà della società dal punto di vista finanziario, – ha detto Marini – ma dal punto di vista organizzativo è impensabile che con una situazione drammatica a livello nazionale arrivino anche delle bollette a ‘pazze'”.

A dar voce al profondo disagio dei cittadini ci ha pensato anche l’opposizione, con Massimo Erbetti (M5S), Chiara Frontini, Alfonso Antoniozzi (Viterbo 2020) e Luisa Ciambella (Pd).

“Mi domando se in un momento così difficile, in cui la gente soffre sia per la questione sanitaria che per quella economica a causa del Covid, tutto questo sia tollerabile. – ha commentato Erbetti – Era il 12 novembre 2019 quando in Consiglio il sindaco disse che in famiglia gli era giunta una bolletta da Talete di 800 euro e oggi abbiamo lo stesso problema. Sono passati 14 mesi e tali bollette continuano ad arrivare, questo è il momento che l’amministrazione si muova a tutela dei cittadini”.

frontini consiglio comunaleDura condanna anche da Viterbo 2020. “Io penso che da parte di Talete si tratti veramente di un atteggiamento fuori da ogni etica che un’azienda dovrebbe adottare in un momento storico come questo. – ha detto la Frontini – Credo che la voce del sindaco si debba far sentire forte e chiara, altrimenti non possiamo non aspettarci delle rivalse di natura legale”.

“Questa è una società partecipata di cui noi siamo soci di maggioranza – ha affermato Antoniozzi – da questo comune deve uscire una voce forte che dica che questa situazione è inaccettabile, una voce di condanna di quello che sta succedendo. Noi sappiamo quali sono le condizioni economiche di Talete, – ha aggiunto – ma non possiamo caricare i cittadini di una faccenda così in questo momento storico, non è pensabile”.

giovanni arenaIl sindaco Giovanni Arena ha di seguito spiegato di aver ricevuto un resoconto tecnico riepilogativo dalla società idrica, che ricollegava gli aumenti sulle cartelle a delle cifre da recuperare. “Non voglio dire che le bollette siano sbagliate, ma sono poco chiare – ha detto il primo cittadino – cerchiamo di capire, sappiamo delle difficoltà che tutti quanti stiamo sopportando, quindi forse si poteva dilazionare. Nelle nostre discussioni più volte tra le criticità di Talete abbiamo messo la morosità – ha proseguito – non vorrei che fosse una reazione a quanto più volte abbiamo sollecitato, in più non si capisce più se sono 20 o 30 milioni che la Talete dovrebbe incassare dalle bollette, però io direi che anche questo sarà fonte di discussione in assemblea. Il mio primo dovere è quello di essere a fianco della cittadinanza, quindi su questo chiederò ulteriori spiegazioni e comunque, anche se tecnicamente dovessero aver ragione, non sono queste le modalità”.

C’è poi anche il problema della validità delle bollette emesse, dato che “qualcuna è stata rivista”, come ha affermato Arena, che ha anche assicurato che tutti gli interrogativi sollevati dai consiglieri verranno portati in discussione alla prossima assemblea dei soci, per tentare di fare chiarezza e sollevare i cittadini da un problema che sta compromettendo la serenità di moltissime famiglie.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui