I controlli saranno effettuati tramite la app VerificaC19

Boom di Green pass tarocchi, Palazzo Chigi rilancia app per evitare falsi

352

Un vero e proprio boom di Green pass falsi, venduti anche a 350 euro. Sulla rete e sui canali social. Così, di fronte al rischio certificati fasulli Palazzo Chigi, dal suo account twitter rilancia l’applicazione creata ad hoc per verificare la certificazione del certificato.

“Certificazione verde: come riconoscere facilmente quella autentica”, è il tweet della Presidenza del Consiglio che, in una breve infografica, spiega come funzione l’applicazione.

Si chiama “Verifica c19”, opera attraverso la scansione del Qr Code del Green Pass, ed è gratuita.

Con l’obbligo del green pass per alcune attività arriveranno anche i controlli. Dal 6 agosto il passaporto verde – che si ottiene una volta che si è in possesso di un certificato di vaccinazione (rilasciato 15 giorni dopo la prima dose e valido fino alla seconda o dopo la seconda dose e valido 9 mesi), con il certificato di guarigione (valido 6 mesi) e con l’esito negativo di un tampone effettuato nelle 48 ore precedenti – sarà necessario per ristoranti al chiuso, spettacoli all’aperto, centri termali, piscine, palestre, fiere, congressi e concorsi, bar ma non per consumare al bancone, anche se al chiuso.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui