Boris Johnson si allea con il coronavirus, contro i suoi cittadini? Sarebbe una eventualità orribile

709

 “Il 60% della popolazione dovrà contrarre il Covid19 per sviluppare l’immunità di gregge”. Sono le parole non di un matto. Non di un gerarca nazista. Ma di una delle massime autorità sanitarie del governo sovranista di Boris Johnson. La pratica è oscena: darwinianamente, si lascia che la gente venga contagiata. I deboli muoiono. I forti sopravvivono. A costo di centinaia di migliaia di vittime, si sviluppa così l’immunità di massa dal virus.

La scelta del premier inglese Johnson, di non fare niente per ostacolare la diffusione del coronavirus, ha suscitato molte critiche. Leggendo quelle dichiarazioni, nella mia mente si sono riaffacciati i ricordi dei libri di storia letti in gioventù. Ricordo ad esempio come l’Inghilterra fosse famosa nel mondo, per la sua abitudine di popolare, le nuove terre scoperte dai suoi navigatori, con prostitute e avanzi di galera. Era una idea che gli permetteva di risparmiare sul vitto, liberare le patrie galere, e nello stesso tempo occupare quelle terre, con una rappresentanza (sic), di cittadini inglesi.

Li scaricavano con una riserva alimentare sufficiente per qualche mese, e poi li lasciavano lì con la promessa (spesso vana), che sarebbero tornati a breve. Poi, vuoi che non era così facile tornare, vuoi perché se ne dimenticavano, questi poveretti venivano completamente abbandonati. Ma non tutto il male viene per nuocere, e infatti, in quelle terre lontane e ostili, sopravvissero solo i più forti, e i più intelligenti. Sicché, quando a distanza di anni, gli inglesi tornarono a vedere che fine avessero fatto quei disgraziati “pionieri” (loro malgrado), trovarono una generazione di uomini e donne forti e robusti. Un caso su tutti è rappresentato dagli australiani. Li avete mai guardati bene alle gare di nuoto. Hanno fisici da spavento. Quindi il premier inglese, a mio parere, vorrebbe sfruttare questa pandemia, per eliminare tutti i rammolliti della sua generazione, che si trova a governare, e rinsanguare i ceppi, con l’eliminazione dei più deboli e la selezione atavica, naturale dei più forti. Considerato il progresso compiuto dalla civiltà, in questi ultimi secoli, sarebbe orribile. Ma, ripeto, è solo una mia idea.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui