Bullicame, cancello ancora chiuso… Ma la riapertura è nell’aria!

Ma oggi abbiamo scoperto delle differenze sostanziali, rispetto a quanto abbiamo visto nelle nostre visite precedenti.

399

Anche oggi ci siamo recati al capezzale del povero Bullicame, e anche oggi abbiamo trovato il cancello chiuso. Ma oggi abbiamo scoperto delle differenze sostanziali, rispetto a quanto abbiamo visto nelle nostre visite precedenti.

La prima differenza è che il lucchetto di chiusura, non è più all’interno del cancello, ma all’esterno. La seconda cosa che abbiamo trovata diversa, più che vederla immediatamente, l’abbiamo avvertita prima nei profumi che ci portava il vento. Infatti, mescolato al profumo dell’erba tagliata, si avvertiva forte quello dell’elicriso, molto simile alla liquerizia; e poi la mentuccia o nepetella, la santoreggia e anche la santolina etrusca.

Tutte erbe che amano i terreni ricchi di travertino, come sono quelli delle nostre sorgenti termali. Dopo esserci lasciati inebriare da questi profumi, abbiamo controllato il terreno scoprendo che il prato è stato finalmente tagliato, poche ore fa. Questo è un segnale inequivocabile che i nostri appelli rivolti al primo cittadino Giovanni Arena, non sono caduti nel vuoto. Se qualcuno è stato incaricato di pulire i prati, vuol dire che siamo vicini alla riapertura.

Noi, continueremo a vigilare, affinché quei cancelli finalmente si aprano, ma visti i preparativi cominciamo a sperare, che la riapertura avvenga a breve. Dal canto nostro, come già promesso, noi chiederemo la riapertura tutti i giorni, anche a rischio di annoiare i nostri lettori, ma nella certezza che le continue richieste, sortiscano l’effetto di costringere i nostri amministratori a lavorare anche per il Bullicame.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui