Bullicame Viterbo: si festeggerà nel 2020, presto pubblicato il bando per il pozzo S.Albino

502
callara bullicame viterbo

Ieri, sulla sua pagina di Facebook, il sindaco Giovanni Arena ha pubblicato un post di “vittoria”, corredato dalla fotografia della “callara” ben colma, tanto da alimentare la canaletta che va verso le vasche. Siccome nella foto si vede chiaramente il tubo che arriva dal pozzo San Valentino, che noi abbiamo battezzato “flebo di accanimento terapeutico”, non riuscivamo a capire il motivo di questa “abbondanza”. Accertato che i lavori al S. Valentino non sono ancora partiti, e che la situazione generale è sempre la stessa, ci siamo interrogati su cosa potesse essere successo. La prima idea che ci è venuta in mente era che la Gestervit avesse aumentato la potenza della pompa che alimenta la “flebo”; la seconda che le continue piogge avessero fatto salire il livello del Bacino. Per tagliare la testa al toro e risolvere questi interrogativi, abbiamo intervistato il Direttore di Miniera, prof. Giuseppe Pagano. Il professionista ci ha spiegato che è stata scoperta una perdita di liquido termale, da un raccordo nel tubo della “flebo”, che conduce acqua termale nella “callara” del Bullicame. Quindi adesso che la falla è stata chiusa, finalmente è risalito il livello della “callara” e alle vasche arriva anche il troppo pieno del grande contenitore. Il 25 e 26 maggio, in concomitanza con l’evento “Verdi e contenti” organizzato dall’Orto Botanico, i cancelli del Bullicame sono rimasti aperti e, malgrado la giornata piovosa, qualche coraggioso ha fatto anche il bagno, nelle vasche adiacenti. Il prof. Pagano ci ha anche informato che il bando per l’acqua del S. Albino è in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Abbiamo fatto il conto cosiddetto “della serva”, e abbiamo scoperto che, tutto il mese di giugno trascorrerà per i 30 giorni di pubblicazione. Poi il mese di luglio passerà per l’apertura delle buste e l’assegnazione della risorsa minerale termale. Poi verrà agosto e mi dite che paese siamo, se non mandiamo in ferie le ditte e le persone? Di seguito al mese di agosto, ci sono le festività di Santa Rosa, e qui interviene il famoso detto viterbese, che impone di rimandare tutto a: “Doppo Santa Rosa e ‘gne cosa”. Quindi il S. Albino, se va tutto bene si potrà perforare a fine settembre. Poi ci sarà da ricondizionare il S. Valentino e se non ci si mettono ostacoli arriveremo a fine ottobre. Se non ci saranno contrattempi, il S. Albino entrerà in funzione verso fine anno. Ma se arriverà qualche piccolo ritardo, ne parleremo con il nuovo anno che tra l’altro è anche bisestile. Si dice anno bisesto, anno funesto. Ma non sarà così, e poi c’è una nota di allegria che vi voglio segnalare, in modo che siate tutti preparati. Finalmente il senatore Umberto Fusco potrà celebrare pienamente il compleanno, infatti è nato il 29 febbraio.

Callara piena

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui