Primi segnali di ripresa nella Città dei Papi per il ponte del 2 giugno. De Carolis: "Nelle prossime settimane vedremo ancora più persone"

“Bus elettrici, bike sharing e nuova area camper: il turismo a Viterbo torna a vivere”

221
Marco De Carolis, assessore con delega alla cultura, al turismo e allo spettacolo del Comune di Viterbo

La Città dei Papi si avvia verso un graduale ritorno alla normalità, anche grazie ai molti turisti che l’hanno scelta come meta da visitare in occasione del ponte del 2 giugno.

“Da sabato a martedì abbiamo visto che una ripresa c’è stata – racconta l’assessore al Turismo di Viterbo, Marco De Carolis – grazie anche alla riapertura delle terme del Bagnaccio e Oasi, a cui seguirà quella delle Terme dei Papi e Salus nelle prossime settimane. Il termalismo rappresenta infatti la maggiore risorsa per la nostra città, e di questo ci siamo resi conto quando i centri erano chiusi a causa del Covid – prosegue – il complesso termale di Viterbo offre una vasta scelta, dalle terme naturali alle strutture di lusso con alberghi di alto livello”.

Il turismo in occasione del ponte, spiega l’assessore, è stato soprattutto di provenienza provinciale. “Nei prossimi weekend ci aspettiamo di vedere ancora più persone, anche con l’apertura dei confini regionali. Viterbo vive soprattutto di turismo nazionale e credo che questo ci aiuterà a rialzarci dopo la fase di emergenza – aggiunge De Carolis – anche se sarà fondamentale rispettare le regole, dato che qui siamo stati molto fortunati con il numero di contagi”.

Per l’accoglienza dei visitatori, intanto, sono in corso grandi progetti. “Abbiamo presentato i 3 nuovi bus elettrici che collegheranno i vari punti di interesse del centro storico – racconta l’assessore – e a metà luglio avremo l’inaugurazione del bike sharing con tre postazioni a Porta Romana, Porta Fiorentina e il nuovo parcheggio di Valle Faul. A breve ci sarà anche l’apertura dell’area camper comunale in largo Lago di Monterosi da poco inaugurata”.

Sulla ripresa del turismo a Viterbo, comunque, De Carolis è fiducioso: “Ci sono tante cose che partono e che funzioneranno, e dalle prossime settimane inizieremo a vedere di nuovo davvero tante persone a Viterbo”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui